giovedì, Gennaio 20, 2022

STATOIL RINNOVA PER ALTRI 10 ANNI L’ACCORDO COL RINA PER L’ANALISI DEI MATERIALI IMPIEGATI NELL’OIL&GAS

Must read

Nel 2021 le esportazioni di PDVSA sono aumentate del 66%

Secondo i dati di PDVSA Il livello medio delle esportazioni di petrolio dal Venezuela ha raggiunto il livello di 628.900 barili al giorno nel...

Argentina. Vaca Muerta potrebbe esportare 13.000 milioni di euro l’anno

Il presidente dell'Istituto Argentino del Petrolio e del Gas (IAPG), ha pubblicato un’analisi dello scenario del settore degli idrocarburi di fronte alla transizione energetica...

Ecuador aumenta le sue vendite annuali di petrolio del 51%

Secondo le cifre annunciate dal Ministero di Energia, il paese ha aumentato le vendite di petrolio del 51%, passando da 4.150 milioni di euro...

Perù. La raffineria di Talara entrerà in servizio ad aprile

La compagnia Petroperú ha annunciato che la nuova raffineria di Talara entrerà in funzione gradualmente a partire dal mese di aprile. Il complesso contribuirà...

Statoil conferma la sua fiducia al RINA, con cui il colosso petrolifero statale norvegese ha rinnovato per altri 10 anni l’accordo già in essere relativo all’analisi e alla certificazione dei materiali utilizzati nelle attività oil&gas.

L’obbiettivo della major nordica è infatti quello di valutare costantemente i materiali impiegati nei pozzi e nelle altre installazioni offshore, e capire se – mantenendo agli attuali livelli efficienza e garanzie di sicurezza – esistono alternative più economiche a quelle fino ad ora adottate. L’obbiettivo è ovviamente quello di razionalizzare al massimo le strutture riducendo i costi di gestione senza tuttavia intaccarne le performance. Questa attività negli scorsi anni è stata effettuata con l’assistenza di Centro Sviluppo Materiali (CSM), controllata del RINA il cui compito è proprio quello di effettuare tutti i test e le verifiche necessarie – soprattutto in termini di corrosione e resistenza delle componenti metalliche – a capire se effettivamente un nuovo materiale potrà essere utilizzato negli impianti produttivi di Statoil al posto di quelli impiegati fino a quel momento, senza generare effetti negativi in termini di affidabilità, efficienza e sicurezza delle operazioni.

Incarico definito da un Frame Agreement col RINA che ora Statoil norvegese ha deciso di rinnovare per altri 10 anni.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Nel 2021 le esportazioni di PDVSA sono aumentate del 66%

Secondo i dati di PDVSA Il livello medio delle esportazioni di petrolio dal Venezuela ha raggiunto il livello di 628.900 barili al giorno nel...

Argentina. Vaca Muerta potrebbe esportare 13.000 milioni di euro l’anno

Il presidente dell'Istituto Argentino del Petrolio e del Gas (IAPG), ha pubblicato un’analisi dello scenario del settore degli idrocarburi di fronte alla transizione energetica...

Ecuador aumenta le sue vendite annuali di petrolio del 51%

Secondo le cifre annunciate dal Ministero di Energia, il paese ha aumentato le vendite di petrolio del 51%, passando da 4.150 milioni di euro...

Perù. La raffineria di Talara entrerà in servizio ad aprile

La compagnia Petroperú ha annunciato che la nuova raffineria di Talara entrerà in funzione gradualmente a partire dal mese di aprile. Il complesso contribuirà...

Messico. Pemex riceverà le chiavi di Deer Park il 20 gennaio

Petróleos Mexicanos (Pemex) assumerà il controllo della raffineria di Deer Park, situata in Texas il 20 gennaio, questo è quanto emerge dalla chiusura dell'accordo...