sabato, Marzo 6, 2021

STATOIL RINNOVA PER ALTRI 10 ANNI L’ACCORDO COL RINA PER L’ANALISI DEI MATERIALI IMPIEGATI NELL’OIL&GAS

Must read

Snam punta sulla ‘pipeline virtuale’ per metanizzare la Sardegna: bando per la fornitura di navi gasiere

Tramontata l’ipotesi della cosiddetta ‘dorsale sarda’ – il gasdotto che avrebbe dovuto percorrere da nord a sud tutta l’isola trasportando il gas naturale –...

L’OPEC+ orientato a non aumentare (ancora) l’output petrolifero, e il prezzo del barile sale

Il prezzo del barile di petrolio è salito oggi (Brent +1,5% e WTI + 1,7%), sospinto dalla notizia che nel corso del prossimo meeting,...

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Statoil conferma la sua fiducia al RINA, con cui il colosso petrolifero statale norvegese ha rinnovato per altri 10 anni l’accordo già in essere relativo all’analisi e alla certificazione dei materiali utilizzati nelle attività oil&gas.

L’obbiettivo della major nordica è infatti quello di valutare costantemente i materiali impiegati nei pozzi e nelle altre installazioni offshore, e capire se – mantenendo agli attuali livelli efficienza e garanzie di sicurezza – esistono alternative più economiche a quelle fino ad ora adottate. L’obbiettivo è ovviamente quello di razionalizzare al massimo le strutture riducendo i costi di gestione senza tuttavia intaccarne le performance. Questa attività negli scorsi anni è stata effettuata con l’assistenza di Centro Sviluppo Materiali (CSM), controllata del RINA il cui compito è proprio quello di effettuare tutti i test e le verifiche necessarie – soprattutto in termini di corrosione e resistenza delle componenti metalliche – a capire se effettivamente un nuovo materiale potrà essere utilizzato negli impianti produttivi di Statoil al posto di quelli impiegati fino a quel momento, senza generare effetti negativi in termini di affidabilità, efficienza e sicurezza delle operazioni.

Incarico definito da un Frame Agreement col RINA che ora Statoil norvegese ha deciso di rinnovare per altri 10 anni.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Snam punta sulla ‘pipeline virtuale’ per metanizzare la Sardegna: bando per la fornitura di navi gasiere

Tramontata l’ipotesi della cosiddetta ‘dorsale sarda’ – il gasdotto che avrebbe dovuto percorrere da nord a sud tutta l’isola trasportando il gas naturale –...

L’OPEC+ orientato a non aumentare (ancora) l’output petrolifero, e il prezzo del barile sale

Il prezzo del barile di petrolio è salito oggi (Brent +1,5% e WTI + 1,7%), sospinto dalla notizia che nel corso del prossimo meeting,...

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...