sabato, Gennaio 23, 2021

Total investe nei gas rinnovabili acquisendo al connazionale Fonroche Biogaz

Must read

La Norvegia assegna 61 nuove licenze offshore (di cui 17 ottenute da Equinor)

Nonostante il percorso di transizione energetica sia ormai in atto in tutta Europa, a partire dalla regione settentrionale del continente, non si fermano le...

Tre nuove commesse nell’oil&gas per il gruppo Fagioli, che chiude il 2020 con fatturato in crescita

Il gruppo emiliano Fagioli, leader a livello internazionale nei trasporti e nelle movimentazioni di carichi eccezionali, ha ottenuto 3 nuove commesse nel settore oil&gas...

Total avanza nella decarbonizzazione: 2,5 miliardi di dollari per rilevare il 20% di Adani Green Energy

Dopo aver abbandonato l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby americana dell’industria oil&gas – ritenuta non sufficientemente schierata sui temi ambientali – e sulla...

Total lascia l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby USA dell’oil&gas

Il gruppo francese Total ha deciso di abbandonare – prima tra le grandi major internazionali a farlo – l’American Petroleum Institute (API), la principale...

La major francese Total ha messo a segno un nuovo investimento sul fronte delle energie rinnovabili, acquisendo la connazionale Fonroche Biogaz, compagnia specializzata nella produzione di ‘unità di digestione aerobica’. Grazie a questa tecnologia, la società è leader nazionale nella produzione di gas rinnovabili, con una quota di mercato del 10% e una capacità installata, raddoppiata tra il 2019 e il 2020, pari a 500 GWh.

Gli impianti di produzione di biogas di Fonroche Biogaz, che impiega 85 persone e opera lungo tutta la catena del valore, attualmente sono 7 e altri 4 sono in fase di realizzazione.

“Questa acquisizione è coerente con la nostra strategia e con la nostra ambizione di diventare carbon neutral entro il 2050” ha commentato Philippe Sauquet, President Gas, Renewables & Power di Total. “Siamo convinti che i gas rinnovabili giocheranno un ruolo chiave nella transizione energetica, contribuendo a ridurre la carbon intensity del gas naturale, e siamo quindi favorevoli all’imposizione di quote minime di biogas nel network nazionale di gasdotti”.

In questo settore Total ha definito obbiettivi chiari: “Puntiamo a produrre 1,5 TWh di biometano all’anno entro il 2025, e l’acquisizione di Fonroche Biogas è uno strumento fondamentale per centrare questo target”. Con questa operazione – si legge ancora nella nota del gruppo francese – Total diventa un player di primo piano, sia in Francia che a livello europeo, nel mercato dei gas rinnovabili e rafforza ulteriormente la sua presenza in questo settore, già presidiato tramite diverse società controllate come Méthanergy, PitPoint e Clean Energy in Benelux e negli USA rispettivamente.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La Norvegia assegna 61 nuove licenze offshore (di cui 17 ottenute da Equinor)

Nonostante il percorso di transizione energetica sia ormai in atto in tutta Europa, a partire dalla regione settentrionale del continente, non si fermano le...

Tre nuove commesse nell’oil&gas per il gruppo Fagioli, che chiude il 2020 con fatturato in crescita

Il gruppo emiliano Fagioli, leader a livello internazionale nei trasporti e nelle movimentazioni di carichi eccezionali, ha ottenuto 3 nuove commesse nel settore oil&gas...

Total avanza nella decarbonizzazione: 2,5 miliardi di dollari per rilevare il 20% di Adani Green Energy

Dopo aver abbandonato l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby americana dell’industria oil&gas – ritenuta non sufficientemente schierata sui temi ambientali – e sulla...

Total lascia l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby USA dell’oil&gas

Il gruppo francese Total ha deciso di abbandonare – prima tra le grandi major internazionali a farlo – l’American Petroleum Institute (API), la principale...

Oil major sempre più ‘lanciate’ sulle rinnovabili: Equinor e BP costruiranno un maxi parco eolico offshore negli USA

La corporation statale norvegese Equinor, la ex Statoil, in partnership con la major britannica BP, è stata scelta per realizzare ed installare un nuovo...