venerdì, Ottobre 22, 2021

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Must read

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...

Il prezzo del petrolio venezuelano è aumentato del 41%

Il prezzo del greggio ha raggiunto lo scorso settembre 54,96 dollari al barile, un prezzo inferiore del 25% rispetto alla media di riferimento dell'insieme...

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti nell’offshore del Paese africano e abbandonando il proposito di compiere nuove esplorazioni nella aree di mare limitrofe.

Al momento – secondo la testata Upstream Online – la major francese starebbe dialogando col Governo del Sudafrica per capire come poter sfruttare al meglio le risorse contenute nei giacimenti Brulpadda e Luiperd (Block 11B/12B) e lo scenario più probabile sembrerebbe quello di utilizzare il gas estratto per alimentare l’impianto di liquefazione di Mossel Bay, sulla costa meridionale sudafricana.

Lo scorso ottobre Total aveva sottoposto alle autorità locali un piano che prevedeva ulteriori perforazioni esplorative nello stesso blocco offshore, ma lo scorso 13 aprile SLR Consulting, società specializzata che assiste la corporation transalpina nel disbrigo delle pratiche burocratiche e ambientali, ha comunicato che Total ha deciso di posporre (a data non precisata) la sua richiesta di autorizzazioni per le ulteriori perforazioni esplorative nel Block 11B/12B, aggiungendo che quindi l’iter precedentemente avviato è stato formalmente annullato.

Decisione su cui è tornata la stessa Total, spiegano in una nota che “alla luce delle recenti scoperte effettuate, Total E&P South Africa ha deciso di posticipare la richiesta di autorizzazioni per nuove esplorazioni nella parte orientale del Blocco. Al termine di una nuova serie di studi geotecnici, il gruppo deciderà se riattivare la procedura autorizzativa”.

Al momento, secondo una fonte riservata citata da Upstream Online, le trattative tra Total e Governo sudafricano riguarderebbero i prezzo del gas e la dotazione di infrastrutture terrestri necessaria per sostenere lo sviluppo del progetto offshore.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...

Il prezzo del petrolio venezuelano è aumentato del 41%

Il prezzo del greggio ha raggiunto lo scorso settembre 54,96 dollari al barile, un prezzo inferiore del 25% rispetto alla media di riferimento dell'insieme...

Brasile vuole aumentare importazioni di gas e urea dalla Bolivia

Lo stato brasiliano del Mato Grosso ha manifestato l’interesse di acquistare gas naturale e urea della Bolivia, giustificata da una fase di crescita industriale,...