venerdì, Maggio 20, 2022

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti nell’offshore del Paese africano e abbandonando il proposito di compiere nuove esplorazioni nella aree di mare limitrofe.

Al momento – secondo la testata Upstream Online – la major francese starebbe dialogando col Governo del Sudafrica per capire come poter sfruttare al meglio le risorse contenute nei giacimenti Brulpadda e Luiperd (Block 11B/12B) e lo scenario più probabile sembrerebbe quello di utilizzare il gas estratto per alimentare l’impianto di liquefazione di Mossel Bay, sulla costa meridionale sudafricana.

Lo scorso ottobre Total aveva sottoposto alle autorità locali un piano che prevedeva ulteriori perforazioni esplorative nello stesso blocco offshore, ma lo scorso 13 aprile SLR Consulting, società specializzata che assiste la corporation transalpina nel disbrigo delle pratiche burocratiche e ambientali, ha comunicato che Total ha deciso di posporre (a data non precisata) la sua richiesta di autorizzazioni per le ulteriori perforazioni esplorative nel Block 11B/12B, aggiungendo che quindi l’iter precedentemente avviato è stato formalmente annullato.

Decisione su cui è tornata la stessa Total, spiegano in una nota che “alla luce delle recenti scoperte effettuate, Total E&P South Africa ha deciso di posticipare la richiesta di autorizzazioni per nuove esplorazioni nella parte orientale del Blocco. Al termine di una nuova serie di studi geotecnici, il gruppo deciderà se riattivare la procedura autorizzativa”.

Al momento, secondo una fonte riservata citata da Upstream Online, le trattative tra Total e Governo sudafricano riguarderebbero i prezzo del gas e la dotazione di infrastrutture terrestri necessaria per sostenere lo sviluppo del progetto offshore.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...