venerdì, Maggio 20, 2022

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui finanziare i progetti di transizione energetica.

A riferirlo è l’agenzia di stampa Reuters, che cita diverse fonti riservate, aziendali e di mercato, secondo cui il modello a cui sta lavorando il gruppo di San Donato Milanese è lo stesso già utilizzato in Norvegia nel 2019, con la trasformazione di Eni Norge in Var Energi e la cessione di una quota di minoranza (circa il 30%) al fondo di private equity HitecVision.

L’operazione scandinava ha funzionato e, grazie anche all’acquisizione degli asset di ExxonMobil per 4,5 miliardi di dollari, ha generato per l’Eni dividenti pari a 1,3 miliardi di dollari dalla sua definizione ad oggi.

Secondo le fonti della Reuters ora il ‘cane a sei zampe’ starebbe pensando di adottare lo stesso schema con le attività oil&gas dell’Africa Occidentale (dove l’Eni è il primo operatore internazionale con una presenza molto radicata e ramificata), del Medio Oriente e anche del Far East.

Uno degli effetti di una soluzione di questo genere sarebbe sgravare il bilancio della capogruppo di almeno una parte del debito, che l’anno scorso ha raggiunto quota 26,7 miliardi di dollari, deconsolidando le attività in questione dal bilancio principale.

Ridotto l’ammontare complessivo dell’esposizioni finanziaria, l’Eni potrebbe raccogliere nuovi capitali con cui sviluppare i business legati alle rinnovabili e alla transizione energetica. Pur non avendo confermato queste recenti indiscrezioni, in passato l’Eni aveva già parlato della possibilità di replicare il modello di Var Energi in altre regioni del mondo.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...