venerdì, Ottobre 22, 2021

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

Must read

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...

Il prezzo del petrolio venezuelano è aumentato del 41%

Il prezzo del greggio ha raggiunto lo scorso settembre 54,96 dollari al barile, un prezzo inferiore del 25% rispetto alla media di riferimento dell'insieme...

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui finanziare i progetti di transizione energetica.

A riferirlo è l’agenzia di stampa Reuters, che cita diverse fonti riservate, aziendali e di mercato, secondo cui il modello a cui sta lavorando il gruppo di San Donato Milanese è lo stesso già utilizzato in Norvegia nel 2019, con la trasformazione di Eni Norge in Var Energi e la cessione di una quota di minoranza (circa il 30%) al fondo di private equity HitecVision.

L’operazione scandinava ha funzionato e, grazie anche all’acquisizione degli asset di ExxonMobil per 4,5 miliardi di dollari, ha generato per l’Eni dividenti pari a 1,3 miliardi di dollari dalla sua definizione ad oggi.

Secondo le fonti della Reuters ora il ‘cane a sei zampe’ starebbe pensando di adottare lo stesso schema con le attività oil&gas dell’Africa Occidentale (dove l’Eni è il primo operatore internazionale con una presenza molto radicata e ramificata), del Medio Oriente e anche del Far East.

Uno degli effetti di una soluzione di questo genere sarebbe sgravare il bilancio della capogruppo di almeno una parte del debito, che l’anno scorso ha raggiunto quota 26,7 miliardi di dollari, deconsolidando le attività in questione dal bilancio principale.

Ridotto l’ammontare complessivo dell’esposizioni finanziaria, l’Eni potrebbe raccogliere nuovi capitali con cui sviluppare i business legati alle rinnovabili e alla transizione energetica. Pur non avendo confermato queste recenti indiscrezioni, in passato l’Eni aveva già parlato della possibilità di replicare il modello di Var Energi in altre regioni del mondo.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...

Il prezzo del petrolio venezuelano è aumentato del 41%

Il prezzo del greggio ha raggiunto lo scorso settembre 54,96 dollari al barile, un prezzo inferiore del 25% rispetto alla media di riferimento dell'insieme...

Brasile vuole aumentare importazioni di gas e urea dalla Bolivia

Lo stato brasiliano del Mato Grosso ha manifestato l’interesse di acquistare gas naturale e urea della Bolivia, giustificata da una fase di crescita industriale,...