venerdì, Febbraio 3, 2023

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

Must read

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel Paese ma la prima a battere bandiera turca. Il mezzo, dopo aver completato le prove in mare lo scorso marzo, ha ora ultimato anche tutti i processi di certificazione ed è pronto ad operare, per dare il suo contributo alla sicurezza degli approvvigionamenti di gas della Turchia, come spiegato nei giorni scorsi dal Ministro turco delle risorse naturali Fatih Dönmez.

Chiamata col nome del padre di Osman I, il fondatore dell’Impero Ottomano, la nave era stata commissionata dall’operatore turco di pipeline BOTAŞ nel 2018 al cantiere navale sudcoreano Hyundai Heavy Industries.

La FSRU Ertuglrul Gazi è lunga 295 metri e larga 46, è in grado di stoccare a bordo 170.000 metri cubi di GNL e ha una capacità di rigassificazione pari a 28 milioni di metri cubi al giorno. La sua destinazione finale, ovvero la sede operativa, è situata nel Golfo di Saros, nel nord ovest della Turchia. Con l’arrivo di quest’ultimo mezzo, come detto il primo rigassificatore a battere bandiera nazionale, la Turchia porta a 3 la sua dotazione di FSRU: le altre due sono ubicate a Hatay (distretto di Dörtyol) e İzmir (distretto di Aliağa). Quest’ultima ha rimpiazzato il primo rigassificatore entrato in funzione nel Paese, nel 2016, ma ormai diventato troppo piccolo per capacità rispetto alle esigenze del mercato turco.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...