mercoledì, Maggio 18, 2022

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel Paese ma la prima a battere bandiera turca. Il mezzo, dopo aver completato le prove in mare lo scorso marzo, ha ora ultimato anche tutti i processi di certificazione ed è pronto ad operare, per dare il suo contributo alla sicurezza degli approvvigionamenti di gas della Turchia, come spiegato nei giorni scorsi dal Ministro turco delle risorse naturali Fatih Dönmez.

Chiamata col nome del padre di Osman I, il fondatore dell’Impero Ottomano, la nave era stata commissionata dall’operatore turco di pipeline BOTAŞ nel 2018 al cantiere navale sudcoreano Hyundai Heavy Industries.

La FSRU Ertuglrul Gazi è lunga 295 metri e larga 46, è in grado di stoccare a bordo 170.000 metri cubi di GNL e ha una capacità di rigassificazione pari a 28 milioni di metri cubi al giorno. La sua destinazione finale, ovvero la sede operativa, è situata nel Golfo di Saros, nel nord ovest della Turchia. Con l’arrivo di quest’ultimo mezzo, come detto il primo rigassificatore a battere bandiera nazionale, la Turchia porta a 3 la sua dotazione di FSRU: le altre due sono ubicate a Hatay (distretto di Dörtyol) e İzmir (distretto di Aliağa). Quest’ultima ha rimpiazzato il primo rigassificatore entrato in funzione nel Paese, nel 2016, ma ormai diventato troppo piccolo per capacità rispetto alle esigenze del mercato turco.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...