martedì, Maggio 17, 2022

TRADING DI GAS: NEL 2019 IL MERCATO EUROPEO SEGNERA’ UN NUOVO RECORD

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Dopo il record di 52,604 terawatt hours (TWh) registrato nel 2018, i volumi complessivi di trading di gas naturale sul mercato europeo potrebbero raggiungere nel 2019 un nuovo primato, superando i livelli totalizzati lo scorso anno. Questo grazie soprattutto alla spinta di hub emergenti come Olanda, Germania e Italia.

A sostenerlo è la società di ricerca Prospex, citata dall’agenzia di stampa Reuters, secondo cui nel 2018 i volumi complessivi erano cresciuti del 5%, mentre nei primi 6 mesi del 2019 negli 11 mercati presi in considerazione dal report il volume di trading di gas naturale è aumentato del 10% rispetto al primo semestre del 2018 (quando era stato pari a 26,000 TWh).

Prospex ha quindi sottolineato che la crescita dei volumi scambiati sul mercato olandese Title Transfer Facility (TTF) rimane preponderante, più che compensando il continuo declino registrato dal mercato britannico National Balancing Point (NBP). Da questi due hub, continua comunque a passare l’80% dell’intero volume di trading di gas europeo.

“Considerato tutto, sarebbe davvero una sorpresa se a fine anno non venisse registrato un nuovo record nel volume di gas commercializzato sul mercato del Vecchio Continente” ha dichiarato l’autore del report di Prospex, Nigel Harris.

Negli ultimi anni il trading europeo di gas è cresciuto in misura considerevole, in ragione del calo della produzione interna e del notevole incremento dell’importazione di GNL.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...