venerdì, Aprile 23, 2021

TRANSAZIONE ENERGETICA: MAIRE TECNIMONT LANCIA LA NUOVA BUSINESS UNIT NEXTCHEM

Must read

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

La transazione energetica ha creato un nuovo mercato che sta sperimentando ritmi di crescita molto elevanti, e il gruppo italiani Maire Tecnimont ha deciso di cogliere l’occasione lanciando una nuova business unit dedicata proprio a questo filone di attività.

Durante l’apposito evento “Nextchem – Maire Tecnimont for Innovation”, Maire Tecnimont ha presentato il progetto di Green Acceleration e ha presentato NextChem, nuovo ‘veicolo’ tramite cui verranno gestite 19 iniziative tecnologiche per la transazione energetica, con l’obbiettivo di intercettare al meglio le nuove dinamiche di mercato.

Riduzione delle emissioni, economia circolare, biocarburanti: il paradigma energetico sta evolvendo e conseguentemente il mercato relativo alla transazione energetica – spiega Maire Tecnimont in una nota – sta crescendo a tassi del 15% annuo e attualmente vale circa 40 miliardi, cifra che secondo le previsioni potrebbe triplicarsi entro il 2025.

Maire Tecnimont ha già investito circa 50 milioni negli ultimi 5 anni in progetti di innovazione, creando anche diverse partnership o sostenendo start-up focalizzate su vari temi: riduzione dell’impatto ambientale nei procedimenti di trasformazione degli idrocarburi; economia circolare e riciclo dei materiali plastici; individuazione di nuove sorgenti rinnovabili per la produzione di carburanti e materie plastiche.

Nel suo ruolo di plant engineering contractor, l’azienda italiana è infatti in grado di individuare e quindi sviluppare soluzioni tecnologiche che possano supportare la transazione energetica: da NextChem maire si attende 50 milioni di euro di EBITDA già nel 2023.

Proprio in questo contesto, Maire Tecnimont ha anche firmato un accordo con ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) con l’obbiettivo di implementare progetti nel settore delle chimica verde e dell’economia circolare.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...