mercoledì, Aprile 21, 2021

IRAN: LA CINESE CNPC SUBENTRA A TOTAL NEL MAXI PROGETTO A GAS SOUTH PARS

Must read

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...

Com’era forse prevedibile, sarà la corporation statale cinese CNPC a prendere il posto di Total nello sviluppo di South Pars, uno dei più grandi giacimenti offshore di gas del mondo, situato al largo delle coste iraniane.

A rivelarlo, scrive la Reuters, è stato il Ministro del Petrolio dell’Iran Bijan Zanganeh, che – parlando all’agenzia di stampa locale ICANA – ha dichiarato: “La cinese CNPC ha ufficialmente preso il posto di Total nella fase 11 di South Pars, ma non ha ancora iniziato a lavorare. Dobbiamo ancora definire alcuni dettagli, tra cui appunto quando partire con le attività”.

Total, che deteneva il 51% delle quote del progetto, aveva già annunciato lo scorso agosto che, se non avesse ottenuto un’esenzione dal Governo americano sulle nuove sanzioni previste per l’Iran (entrate formalmente in vigore lo scorso 5 novembre), sarebbe stata costretta ad abbandonare il progetto e a ritirarsi da tutte le iniziative in corso nel Paese degli ayatollah.

Da Washington non è arrivata alcuna ‘eccezione’ per questo progetto, quindi, come stabilito, la major francese si è ritirata dall’Iran. Uno scenario già ipotizzato da molti osservatori, secondo i quali il candidato ‘naturale’ a succedere a Total sarebbe stato proprio CNBC: il gruppo cinese, infatti, era già partner del progetto con il 30% delle quote, a cui ora, presumibilmente, si sommerà il 50,1% detenuto dalla corporation parigina.

Il restante 19,9% di South Pars, che il Qatar chiama North Field e che – ricorda la Reuters – è il giacimento con le più ingenti risorse di gas concentrate in un unico sito mai scoperto, è in mano a PetroPars, una controllata della National Iranian Oil Company.

 

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...

PAROLE DI SCIENZA (a cura di Roberto Vacca) Il degrado culturale corrompe il nostro pensare

Se eri considerato una persona colta vari decenni fa , e anche se hai provato ad aggiornarti, ti senti come lo scemo del villaggio...