venerdì, Gennaio 21, 2022

IRAN: LA CINESE CNPC SUBENTRA A TOTAL NEL MAXI PROGETTO A GAS SOUTH PARS

Must read

Annunciata la possibile multa a Repsol per fuoriuscita di petrolio

Più di 18.000 metri quadrati di spiagge sono state colpite dalla fuoriuscita di circa 6.000 barili di petrolio. I sindaci di Ventanilla e Ancón...

Diminuisce la produzione nel principale asset di Pemex

Il complesso principale di Pemex (Ku-Maloob-Zaap), ha smesso di produrre circa 152.000 barili al giorno durante la prima metà del 2021. Nella prima metà di...

Nel 2021 le esportazioni di PDVSA sono aumentate del 66%

Secondo i dati di PDVSA Il livello medio delle esportazioni di petrolio dal Venezuela ha raggiunto il livello di 628.900 barili al giorno nel...

Argentina. Vaca Muerta potrebbe esportare 13.000 milioni di euro l’anno

Il presidente dell'Istituto Argentino del Petrolio e del Gas (IAPG), ha pubblicato un’analisi dello scenario del settore degli idrocarburi di fronte alla transizione energetica...

Com’era forse prevedibile, sarà la corporation statale cinese CNPC a prendere il posto di Total nello sviluppo di South Pars, uno dei più grandi giacimenti offshore di gas del mondo, situato al largo delle coste iraniane.

A rivelarlo, scrive la Reuters, è stato il Ministro del Petrolio dell’Iran Bijan Zanganeh, che – parlando all’agenzia di stampa locale ICANA – ha dichiarato: “La cinese CNPC ha ufficialmente preso il posto di Total nella fase 11 di South Pars, ma non ha ancora iniziato a lavorare. Dobbiamo ancora definire alcuni dettagli, tra cui appunto quando partire con le attività”.

Total, che deteneva il 51% delle quote del progetto, aveva già annunciato lo scorso agosto che, se non avesse ottenuto un’esenzione dal Governo americano sulle nuove sanzioni previste per l’Iran (entrate formalmente in vigore lo scorso 5 novembre), sarebbe stata costretta ad abbandonare il progetto e a ritirarsi da tutte le iniziative in corso nel Paese degli ayatollah.

Da Washington non è arrivata alcuna ‘eccezione’ per questo progetto, quindi, come stabilito, la major francese si è ritirata dall’Iran. Uno scenario già ipotizzato da molti osservatori, secondo i quali il candidato ‘naturale’ a succedere a Total sarebbe stato proprio CNBC: il gruppo cinese, infatti, era già partner del progetto con il 30% delle quote, a cui ora, presumibilmente, si sommerà il 50,1% detenuto dalla corporation parigina.

Il restante 19,9% di South Pars, che il Qatar chiama North Field e che – ricorda la Reuters – è il giacimento con le più ingenti risorse di gas concentrate in un unico sito mai scoperto, è in mano a PetroPars, una controllata della National Iranian Oil Company.

 

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Annunciata la possibile multa a Repsol per fuoriuscita di petrolio

Più di 18.000 metri quadrati di spiagge sono state colpite dalla fuoriuscita di circa 6.000 barili di petrolio. I sindaci di Ventanilla e Ancón...

Diminuisce la produzione nel principale asset di Pemex

Il complesso principale di Pemex (Ku-Maloob-Zaap), ha smesso di produrre circa 152.000 barili al giorno durante la prima metà del 2021. Nella prima metà di...

Nel 2021 le esportazioni di PDVSA sono aumentate del 66%

Secondo i dati di PDVSA Il livello medio delle esportazioni di petrolio dal Venezuela ha raggiunto il livello di 628.900 barili al giorno nel...

Argentina. Vaca Muerta potrebbe esportare 13.000 milioni di euro l’anno

Il presidente dell'Istituto Argentino del Petrolio e del Gas (IAPG), ha pubblicato un’analisi dello scenario del settore degli idrocarburi di fronte alla transizione energetica...

Ecuador aumenta le sue vendite annuali di petrolio del 51%

Secondo le cifre annunciate dal Ministero di Energia, il paese ha aumentato le vendite di petrolio del 51%, passando da 4.150 milioni di euro...