mercoledì, Dicembre 8, 2021

UNA NUOVA JOINT-VENTURE NEGLI EMIRATI ARABI PER LA ROSETTI MARINO DI RAVENNA

Must read

Russia diventa il secondo fornitore di petrolio degli Stati Uniti

Nonostante la grande tensione politica in atto tra i due paesi, nel gennaio 2019, un mese prima dell'entrata in vigore delle sanzioni imposte dal...

Guyana. Il Ministro dell’Energia indeciso nella costruzione di nuove raffinerie

Nonostante la scoperta dei 10 miliardi di barili di petrolio scoperti nel Blocco Stabroek e dalle campagne esplorative in altri blocchi, sono diversi gli...

Bolivia. YPFB sostituirà parte delle importazioni di carburante con etanolo nazionale

La compagnia petrolifera statale boliviana YPFB ha riferito che entro il 2022 sostituirà le importazioni di carburante del 20%, risparmierà valuta estera e genererà...

La produzione petrolifera colombiana tocca 740.000 barili al giorno in ottobre

Il Ministero delle Miniere e dell'Energia della Colombia (Minenergía) ha riferito che la produzione di petrolio in ottobre ha raggiunto una media di 740.000...

Il contractor e cantiere navale Rosetti Marino di Ravenna, specializzato nel settore oil&gas, ha deciso di rafforzare la sua presenza negli Emirati Arabi, alleandosi con la società Ali & Sons Marine Engineering Factory (ASMEF), che gestisce uno dei principali cantieri navali di Abu Dhabi, anch’esso focalizzato sull’industria offshore.

Come annunciato dalle due parti, l’azienda italiana e quella emiratina hanno infatti costituito una joint-venture chiamata Rosetti Ali & Sons LLC e basata negli Emirati Arabi Uniti.

L’obbiettivo dei partner è quello di riuscire, tramite le newco, ad incrementare l’acquisizione e l’esecuzione di contratti EPC (Engineering, Procurement & Construction) nel settore oil & gas, onshore e offshore, oltre ad ampliare la propria presenza sul mercato. In questo senso – si legge in una nota ufficiale – Rosetti-Aii & Sons rappresenterà la piattaforma ideale per realizzare gli obiettivi comuni e, al tempo stesso, apporterà valore economico per gli EAU.

L’accordo, concluso di recente, è stato firmato da Shamis Al Dhaheri, Managing Director del Gruppo Ali & Sons Holding LLC e da Stefano Silvestroni, presidente del Consiglio di amministrazione della Rosetti Marino SpA.

Parlando dell’alleanza, Shamis Al Dhaheri, ha sottolineato: “Grazie alle notevoli competenze e infrastrutture di ASMEF e all’esperienza maturata dalla Rosetti Marino in oltre un secolo di attività, nonché alla sua ineccepibile reputazione riconosciuta a livello mondiale, la costituzione della Rosetti-Aii & Sons ci sembra il giusto passo al momento opportuno per creare un nuovo importante player nel mercato degli Emirati Arabi Uniti. La visione pionieristica di Ali & Sons si è rivelata determinante per lo sviluppo dell’economia emiratina e la Rosetti-Aii & Sons andrà ad arricchire il panorama variegato, dinamico e qualitativamente elevato dei servizi che offriamo”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Russia diventa il secondo fornitore di petrolio degli Stati Uniti

Nonostante la grande tensione politica in atto tra i due paesi, nel gennaio 2019, un mese prima dell'entrata in vigore delle sanzioni imposte dal...

Guyana. Il Ministro dell’Energia indeciso nella costruzione di nuove raffinerie

Nonostante la scoperta dei 10 miliardi di barili di petrolio scoperti nel Blocco Stabroek e dalle campagne esplorative in altri blocchi, sono diversi gli...

Bolivia. YPFB sostituirà parte delle importazioni di carburante con etanolo nazionale

La compagnia petrolifera statale boliviana YPFB ha riferito che entro il 2022 sostituirà le importazioni di carburante del 20%, risparmierà valuta estera e genererà...

La produzione petrolifera colombiana tocca 740.000 barili al giorno in ottobre

Il Ministero delle Miniere e dell'Energia della Colombia (Minenergía) ha riferito che la produzione di petrolio in ottobre ha raggiunto una media di 740.000...

OPEC+ conferma la decisione di aumentare la produzione di 400.000 b/g da gennaio

La 23 .ma riunione dell’OPEC e dei Paesi produttori che non fanno parte di questa istituzione, conferma la sua predisposizione di aumentare la produzione...