sabato, Febbraio 27, 2021

A NOVEMBRE LE OFFERTE PER RILEVARE LE PARTECIPAZIONI AUSTRALIANE DELL’ENI

Must read

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

Shell lancia anche in Italia la sua gamma di lubrificanti ‘carbon neutral’

Shell ha annunciato oggi il lancio della gamma di lubrificanti Carbon Neutral, ovvero a impatto zero di CO2e, disponibile in Italia e nei principali...

Le offerte vincolanti per rilevare gli asset australiani dell’Eni dovrebbero arrivare entro fine novembre, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters.

Il gruppo italiano, assistito in questa operazione dell’advisor finanziario Citi, ha messo in vendita le proprie partecipazioni detenute in Australia (ad esclusione delle attività legate al settore dell’energia eolica), da cui punta a ricavare circa 1 miliardo di dollari, col duplice obbiettivo di ottenere risorse utili a mitigare gli effetti della pandemia di coronavirus sui conti della società e di ridurre la propria esposizione sul versante delle fonti fossili nell’ambito del processo di rifocalizzazione del proprio business sui combustibili puliti.

Tra i potenziali interessati, al lavoro su un’offerta, ci sarebbero l’indonesiana Medco Energi Internasional, un consorzio di cui fanno parte il fondo australiano Macquarie e Neptune Energy, e Morgan Stanley Infrastructure.

In Australia l’Eni opera una serie di giacimenti di gas offshore a Nord dell’isola e detiene quote in 4 licenza di esplorazione. Inoltre è titolare del Blacktip Gas Project e di quote nel giacimento di gas Bayu-Undan e il relativo impianto di gas naturale liquefatto Darwin LNG.

Sempre secondo la Reuters, l’Eni starebbe anche valutando la cessione di asset in Pakistan e in Congo, nell’ambito del medesimo piano di dismissione delle attività considerate ‘non-core’.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

Shell lancia anche in Italia la sua gamma di lubrificanti ‘carbon neutral’

Shell ha annunciato oggi il lancio della gamma di lubrificanti Carbon Neutral, ovvero a impatto zero di CO2e, disponibile in Italia e nei principali...

Saipem ottiene una maxi-commessa per un progetto di gas offshore in Qatar

Saipem ha messo a segno un ‘colpo’ di notevole entità in Qatar, dove ha ottenuto dalla compagnia statale Qatargas un contratto da ben 1,7...