martedì, Maggio 17, 2022

CONCENTRAZIONE NEL SETTORE DELLO SHALE OIL USA: CONOCOPHILLIPS RILEVA CONCHO RESOURCES

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Il gruppo statunitense ConocoPhillips ha rilevato la connazionale Concho Resources per 8,2 miliardi di euro. Un’operazione che conferma la fiducia nella ripresa della domanda del settore petrolifero americano, quando il prezzo WTI ha raggiunto 41 dollari il barile in questi giorni.

Uno dei primi esperti a commentare questa notizia, Steven Ho, analista di Global Data, ha affermato che questa operazione finanziaria per un importo di 8200 milioni di euro, oltre a consolidare la compagnia con sede a Houston, offre un segnale molto positivo per quanto riguarda la tendenza dell’industria petrolifera internazionale in termini di fusioni e di fiducia nella ripresa dei consumi.

“I consigli di amministrazione di entrambe le società ritengono che l’operazione confermi il grande impegno di portare avanti un cambiamento strutturale nell’ambito del settore petrolifero”, ha affermato Ryan Lance, presidente e amministratore delegato di ConocoPhillips.

Attualmente ConocoPhillips dispone di 323.000 ettari negli Stati Uniti e solo 68.000 nel giacimento di shale oil del Permiano nel quale produce circa 56.000 barili equivalenti di petrolio (mboed) nel 2019. Ma con la nuova acquisizione, Conoco aggiungerà 223.000 ettari di superficie nei propri asset, potendo così raggiungere una produzione di 319.000 mboed di petrolio non convenzionale.

In base a una serie di studi recenti, nei giacimenti di Concho Resources, è stata raggiunta una grande produttività negli ultimi anni, un fattore che ha permesso di ridurre i costi dei pozzi a meno di 800 dollari per piede, ottenendo in questo modo un prezzo di equilibrio al di sotto dei 35 dollari per barile. Vale a dire un costo molto competitivo rispetto ai giacimenti di tipo tradizionale.

“Con questa fusione, ci stiamo unendo a una società con grande potenziale al fine di creare ulteriore valore per gli azionisti nei mercati di oggi”, ha affermato Tim Leach, presidente e amministratore delegato di Concho Resources.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...