mercoledì, Maggio 18, 2022

IL MESSICO PUNTA A PRODURRE 2,3 MILIONI DI BPD DI PETROLIO ENTRO IL 2024

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Il Messico produrrà 2,3 milioni di barili di petrolio al giorno entro il 2024. A lanciare la sfida è il CEO Octavio Romero, direttore della compagnia nazionale Pemex, azienda che in questi ultimi tempi ha dovuto effettuare profondi cambiamenti per mantenere la reputazione di player tra i più importanti dell’America Latina.

Questa previsione abbastanza ambiziosa rientra nella linea di politica energetica promossa dal governo di Andres Lopez Obrador, dopo che negli ultimi giorni ha dichiarato pubblicamente che l’aumento della produzione di petrolio e la sua raffinazione, sono diventati una priorità del suo governo entro il 2024, target che coincide con la fine del suo mandato.

Il presidente di Pemex non ha dato molta importanza al contributo che le compagnie private daranno per raggiungere questo target, aziende che dal 2013, dopo la riforma che ha messo fine al monopolio del gruppo statale, possono operare liberamente ottenendo le concessioni per lo sfruttamento dei giacimenti. Secondo alcuni studi, infatti la produzione delle compagnie private passerà da 70.000 bg del 2020 a circa 280.000 nel 2024.

Un impatto abbastanza limitato se si considera le grandi riserve messicane valutate in 15.000 milioni di barili. Il motivo che spiega questo modesto contributo delle aziende private sarebbe da ricondurre alla cancellazione delle gare d’appalto lanciate dal proprio governo, che invece vuole mantenere il ruolo protagonista dello Stato.

Per quanto riguarda il settore della raffinazione il direttore Romero invece ha dichiarato che entro la fine del 2020, gli impianti di Pemex produrranno 1,1 milioni di bg, vale a dire un incremento del 10% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Secondo i calcoli pubblicati dal Ministero delle Finanze alla fine di agosto, Pemex ha generato ricavi circa 17.000 milioni di euro, che equivale all’11% della spesa pubblica messicana.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...