venerdì, Dicembre 3, 2021

ALVERA’ (SNAM): “PER COMPETERE CON GLI USA SERVE UNA ‘ENERGY UNION’ EUROPEA”

Must read

La Guyana è diventato il sesto fornitore di petrolio degli Stati Uniti

Nel report mensile dell'Energy Information Administration (EIA) si conferma che la Guyana è diventato il sesto fornitore di idrocarburi del paese con 176.000 barili...

Ecopetrol e Shell perforeranno assieme nei Caraibi

In un comunicato stampa congiunto Ecopetrol e Shell, hanno fatto sapere che stanno conducendo studi per determinare gli investimenti necessari per perforare il primo...

Messico. Nessuna nuova concessione per lo sfruttamento petrolifero

Durante la sua conferenza stampa mattutina, il presidente del Messico Andrés Manuel López Obrador, ha affermato che fino alla fine della sua amministrazione non...

Messico. Le esportazioni di petrolio verso gli Stati Uniti sono aumentate del 15%

Secondo il report di settembre della Energy Information Administration (EIA), in settembre il Messico ha esportato 814.000 barili di petrolio al giorno negli Stati...

L’ingresso degli Stati Uniti tra i paesi esportatori di gas naturale, avvenuto in seguito alla scoperta di ingenti riserve di shale gas sul territorio americano, sta cambiando gli equilibri internazionali del comparto: se l’Italia e l’Europa vogliono restare competitive serve una ‘Energy Union’, un mercato comune europeo del gas e dell’energia.

A sostenerlo, in occasione del recente Italian Energy Summit organizzato a Milano da Il Sole 24 Ore, è Marco Alverà, CEO di SNAM, che spiega: “Gli USA riescono a vendere il loro gas ad un prezzo molto più basso rispetto a quello che mediamente viene praticato in Europa, e questo pesa sulla competitività del nostro sistema energetico e quindi anche delle nostre aziende, che devono sostenere una voce di costo ben maggiore”. La soluzione per Alverà, è quella di creare un mercato comune europeo dell’energia, una ‘Energy Union’ che consenta maggiore flessibilità, più concorrenza e quindi riduzione dei prezzi del gas per gli utenti finali.

Per il CEO di SNAM, oggi, la sfida è proprio su questo aspetto: “Se infatti fino a un decennio fa tutti pensavamo che le riserve di gas naturale si sarebbero esaurite nel giro di 20 anni, oggi, con lo shale gas e i nuovi giacimenti scoperti in Mediterraneo e Africa, possiamo disporre di questa risorsa per i prossimi 400 anni”.

Una certezza, che contribuirà anche al raggiungimento di un mix energetico più sostenibile: “Il gas naturale è il vero concorrente, e sostituto, del carbone, una risorsa il cui utilizzo si può gradualmente ridurre, come ha dimostrato la Gran Bretagna”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La Guyana è diventato il sesto fornitore di petrolio degli Stati Uniti

Nel report mensile dell'Energy Information Administration (EIA) si conferma che la Guyana è diventato il sesto fornitore di idrocarburi del paese con 176.000 barili...

Ecopetrol e Shell perforeranno assieme nei Caraibi

In un comunicato stampa congiunto Ecopetrol e Shell, hanno fatto sapere che stanno conducendo studi per determinare gli investimenti necessari per perforare il primo...

Messico. Nessuna nuova concessione per lo sfruttamento petrolifero

Durante la sua conferenza stampa mattutina, il presidente del Messico Andrés Manuel López Obrador, ha affermato che fino alla fine della sua amministrazione non...

Messico. Le esportazioni di petrolio verso gli Stati Uniti sono aumentate del 15%

Secondo il report di settembre della Energy Information Administration (EIA), in settembre il Messico ha esportato 814.000 barili di petrolio al giorno negli Stati...

Petrobras aumenterà gli investimenti del 25% fino al 2026

La compagnia petrolifera brasiliana Petrobras ha riferito che per il quinquennio 2022-2026 il Consiglio di Amministrazione della società ha approvato un aumento degli investimenti...