mercoledì, Aprile 21, 2021

ALVERA’ (SNAM): “PER COMPETERE CON GLI USA SERVE UNA ‘ENERGY UNION’ EUROPEA”

Must read

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...

L’ingresso degli Stati Uniti tra i paesi esportatori di gas naturale, avvenuto in seguito alla scoperta di ingenti riserve di shale gas sul territorio americano, sta cambiando gli equilibri internazionali del comparto: se l’Italia e l’Europa vogliono restare competitive serve una ‘Energy Union’, un mercato comune europeo del gas e dell’energia.

A sostenerlo, in occasione del recente Italian Energy Summit organizzato a Milano da Il Sole 24 Ore, è Marco Alverà, CEO di SNAM, che spiega: “Gli USA riescono a vendere il loro gas ad un prezzo molto più basso rispetto a quello che mediamente viene praticato in Europa, e questo pesa sulla competitività del nostro sistema energetico e quindi anche delle nostre aziende, che devono sostenere una voce di costo ben maggiore”. La soluzione per Alverà, è quella di creare un mercato comune europeo dell’energia, una ‘Energy Union’ che consenta maggiore flessibilità, più concorrenza e quindi riduzione dei prezzi del gas per gli utenti finali.

Per il CEO di SNAM, oggi, la sfida è proprio su questo aspetto: “Se infatti fino a un decennio fa tutti pensavamo che le riserve di gas naturale si sarebbero esaurite nel giro di 20 anni, oggi, con lo shale gas e i nuovi giacimenti scoperti in Mediterraneo e Africa, possiamo disporre di questa risorsa per i prossimi 400 anni”.

Una certezza, che contribuirà anche al raggiungimento di un mix energetico più sostenibile: “Il gas naturale è il vero concorrente, e sostituto, del carbone, una risorsa il cui utilizzo si può gradualmente ridurre, come ha dimostrato la Gran Bretagna”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...

PAROLE DI SCIENZA (a cura di Roberto Vacca) Il degrado culturale corrompe il nostro pensare

Se eri considerato una persona colta vari decenni fa , e anche se hai provato ad aggiornarti, ti senti come lo scemo del villaggio...