martedì, Maggio 17, 2022

AMERICA LATINA: IN SURINAME IL RECORD DI NUOVI GIACIMENTI SCOPERTI NEL 2020

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Nel corso dei primi nove mesi di quest’anno, nonostante le enormi difficoltà che deve affrontare l’industria petrolifera globale, con 73 giacimenti confermati, il Suriname è diventato il Paese con il maggior numero di scoperte dell’America Latina.

Il risultato dagli studi di esplorazione tanto in terra ferma quanto nelle acque profonde, hanno confermato nel loro insieme riserve per 10.000 barili equivalenti di petrolio, di cui la metà costituiti gas naturale.

Dal database statistico ufficiale aggiornato a fine di ottobre, emerge come 36 giacimenti si trovino sulla superficie terrestre e 37 in ambito offshore.

Tuttavia anche la formazione geologica sottomarina della Guyana-Suriname continua ad essere una delle grandi promesse per i prossimi anni, dopo la scoperta di 9.000 milioni di barili equivalenti di petrolio in un solo blocco.

Secondo alcune stime degli esperti, il prezzo di equilibrio del petrolio necessario per portare avanti la costruzione delle piattaforme offshore tenderà a ridursi nei prossimi anni per due fattori: il primo dipenderà dal numero delle future scoperte a breve termine di nuovi giacimenti, e il secondo invece è relativo alla data d’inizio della produzione di gas e petrolio nelle nuove aree.

Di recente le ultime tre scoperte effettuate al largo delle coste del Suriname dove le riserve confermate raggiungono 1.400 milioni di barili equivalenti di petrolio, avrebbero portatoil prezzo di equilibrio stabilito a 45 dollari al barile.

Tuttavia secondo l’agenzia Rystad Energy, le proiezioni sono ancor più promettenti, in quanto il prezzo di equilibrio molto probabilmente scenderà a 40 dollari.

Con l’aggiornamento di questi dati incoraggianti si può dire quindi che i paesi di Brasile, Guyana e Suriname rappresentano più di un terzo degli investimenti dei giacimenti in offshore dell’America Latina, aprendo così un futuro molto promettente nei prossimi anni.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...