venerdì, Febbraio 3, 2023

REPSOL RIDUCE L’ESPOSIZIONE NELL’OIL&GAS PER CONCENTRARE RISORSE SULLE RINNOVABILI

Must read

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

La corporation energetica spagnola Repsol ha deciso di ridurre drasticamente la sue attività di ricerca di nuove risorse di idrocarburi per concentrarsi sullo sviluppo delle energie rinnovabili nel prossimo decennio.

L’azienda, la prima ad aver fissato il target di zero emissioni lo scorso anno, ha deciso di concentrare le proprie attività oil&gas su un minor numero di progetti ad alto valore aggiunto, riducendo di conseguenza il dividendo previsto per il 2021 e il 2023, contando poi di recuperare una maggiore remunerazione per gli azionisti a partire dal 2023.

A dicembre scorso Repsol aveva deciso di svalutare i suoi asset petroliferi di 4,8 miliardi di euro e di impegnarsi per azzerare le emissioni di gas serra delle proprie attività entro il 2050. Parallelamente era stato deciso di ridurre le risorse destinate ai progetti oil&gas e di impiegare la liquidità in un piano di espansione delle propria capacità di produzione di eolico e solare dagli attuali 2,95 Gw fino a 15 GW.

Nel nuovo piano strategico questo percorso è stato confermato e, secondo gli analisti di Bloomberg, riuscirà a sostenersi economicamente con un prezzo del barile di Brent di almeno 50 dollari.

Nell’ambito della nuova strategia è previsto anche lo sviluppo della produzione di idrogeno verde, analogamente a quanto stanno facendo altre major energetiche internazionali: Repsol intende infatti allinearsi alla ‘vision’ del Governo di Madrid che punta a rendere la Spagna un hub globale dell’H2 rinnovabile, e prevede di installare una capacità di 1,2 GW entro il 2030.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...