venerdì, Ottobre 22, 2021

REPSOL RIDUCE L’ESPOSIZIONE NELL’OIL&GAS PER CONCENTRARE RISORSE SULLE RINNOVABILI

Must read

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...

Il prezzo del petrolio venezuelano è aumentato del 41%

Il prezzo del greggio ha raggiunto lo scorso settembre 54,96 dollari al barile, un prezzo inferiore del 25% rispetto alla media di riferimento dell'insieme...

La corporation energetica spagnola Repsol ha deciso di ridurre drasticamente la sue attività di ricerca di nuove risorse di idrocarburi per concentrarsi sullo sviluppo delle energie rinnovabili nel prossimo decennio.

L’azienda, la prima ad aver fissato il target di zero emissioni lo scorso anno, ha deciso di concentrare le proprie attività oil&gas su un minor numero di progetti ad alto valore aggiunto, riducendo di conseguenza il dividendo previsto per il 2021 e il 2023, contando poi di recuperare una maggiore remunerazione per gli azionisti a partire dal 2023.

A dicembre scorso Repsol aveva deciso di svalutare i suoi asset petroliferi di 4,8 miliardi di euro e di impegnarsi per azzerare le emissioni di gas serra delle proprie attività entro il 2050. Parallelamente era stato deciso di ridurre le risorse destinate ai progetti oil&gas e di impiegare la liquidità in un piano di espansione delle propria capacità di produzione di eolico e solare dagli attuali 2,95 Gw fino a 15 GW.

Nel nuovo piano strategico questo percorso è stato confermato e, secondo gli analisti di Bloomberg, riuscirà a sostenersi economicamente con un prezzo del barile di Brent di almeno 50 dollari.

Nell’ambito della nuova strategia è previsto anche lo sviluppo della produzione di idrogeno verde, analogamente a quanto stanno facendo altre major energetiche internazionali: Repsol intende infatti allinearsi alla ‘vision’ del Governo di Madrid che punta a rendere la Spagna un hub globale dell’H2 rinnovabile, e prevede di installare una capacità di 1,2 GW entro il 2030.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...

Il prezzo del petrolio venezuelano è aumentato del 41%

Il prezzo del greggio ha raggiunto lo scorso settembre 54,96 dollari al barile, un prezzo inferiore del 25% rispetto alla media di riferimento dell'insieme...

Brasile vuole aumentare importazioni di gas e urea dalla Bolivia

Lo stato brasiliano del Mato Grosso ha manifestato l’interesse di acquistare gas naturale e urea della Bolivia, giustificata da una fase di crescita industriale,...