giovedì, Maggio 13, 2021

BP E TOTAL: RICAVI IN CALO

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Silhouette three oil pumps

Il dimezzamento del prezzo del petrolio taglia le gambe ai conti dei colossi mondiali del settore. In Cina si parla già di un’ondata di fusioni per aumentare i margini di guadagno. Nel frattempo il risultato netto di gruppo a valori correnti di British Petroleum per il trimo trimestre del 2015 si è attestato a 2,1 miliardi di dollari, in netto calo rispetto ai 3,48 miliardi di un anno prima.

I ricavi sono scesi a 54,9 miliardi di dollari dai 75,1 nel primo trimestre del 2014. La produzione nel trimestre è invece salita dell’8,3%. Quest’ultima, secondo le previsioni del gruppo, dovrebbe invece calare nel secondo trimestre del 2015.

Non è andata meglio al gruppo petrolifero francese Total , che ha registrato nel primo trimestre un utile netto in forte calo (-20%) a 2,66 miliardi di dollari rispetto ai 3,34 dello stesso periodo dell’anno precedente. Il valore invece adjusted, pulito dalle voci non ricorrenti, è stato di 2,6 miliardi di dollari (3,33 miliardi nel primo trimestre 2014). Gli analisti sentiti da FactSet si attendevano un utile netto adjusted di 2,14 miliardi di dollari.

Calcolato sulla singola azione, l’utile netto adjusted è calato a 1,13 dollari rispetto ai precedenti 1,46 dollari. Dopo aver registrato una perdita massiccia di 5,66 miliardi di dollari nel quarto trimestre del 2014, Total ha avviato un piano di ristrutturazione che prevede di portare i costi di estrazione al di sotto del prezzo del mercato. Il che significa tagliare investimenti, vendere asset e aumentare la produzione.

Il titolo Total ha aperto questa mattina positivo e guadagna ora l’1,49% a 49,9 euro. BP, quotato a New York, ha chiuso ieri a 43,25 dollari con un miglioramento dello 0,25%.

Nel frattempo giunge la notizia che il gruppo petrolifero cinese Cnooc ha avviato il collocamento di bond in dollari con durata quinquennale, decennale e trentennale con l’obiettivo di raccogliere risorse. La società cinese intende sfruttare l’apertura di una finestra favorevole sul mercato obbligazionario per titoli di debito denominati nella valuta americana.

Ha avviato l’emissione di un bond a 5 anni con rendimento superiore di 1,5 punti percentuali rispetto al Treasury di riferimento, a 10 anni con rendimento di 1,8 punti sopra il Treasury e a 30 anni con rendimento di 1,7 punti sopra il Treasury.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...