lunedì, Giugno 17, 2024

Carburanti sostenibili per il trasporto pubblico – il commento di Andrea Arzà e Assogasliquidi-Federchimica

Must read

Vallourec fornirà i suoi prodotti ad Equinor

Vallourec, azienda francese leader nella soluzione di prodotti tubolari di alto livello per le industrie energetiche e dell'oil&gas ha firmato un accordo della durata...

Snam soddisfatta dell’indipendenza dal gas russo

Stefano Venier, CEO di Snam, ha partecipato venerdì 14 giugno ad un incontro organizzato dal  MIB Trieste School of Management, di cui egli stesso...

La joint venture TJN RUWAIS JV si aggiudica il contratto EPC per il progetto Ruwais LNG da ADNOC

Technip Energies, una società leader nel settore dell'ingegneria e della tecnologia per la transizione energetica, nonché leader di una joint venture con JGC e...

Matador Resources si espande nel Permiano

La società energetica indipendente Matador Resources Company, con sede negli Stati Uniti, ha annunciato l'intenzione di voler acquisire una partecipazione di trivellazione nel giacimento...

Andrea Arzà, AD di Liquigas e presidente di Assogasliquidi-Federchimica, è intervenuto in merito al recente invito del Parlamento al Governo nell’estendere l’uso di veicoli alimentati a Gpl, metano e Gnl (Gas Naturale Liquefatto), fino al settore del trasporto pubblico; questi carburanti, infatti, oltre ad avere un basso consumo energetico, garantiscono una notevole riduzione delle emissioni di CO2 e, di conseguenza, un minor impatto sull’ambiente.

Un plauso al lavoro svolto dal Parlamento per aver dato indicazioni precise al governo. Le due Commissioni parlamentari ricordano che l’Italia ha una consolidata tradizione industriale in materia veicoli per trasporto leggero e pesante a carburanti alternativi a Gpl, gas naturale e Gnl che riducono notevolmente le emissioni di gas nocivi e climalteranti, con l’ulteriore sviluppo tecnologico che queste fonti stanno registrando grazie all’ingresso nel mercato di bioGpl, bioGnl e biometano“.

Il presidente di Assogasliquidi-Federchimica, associazione che rappresenta le imprese del comparto distribuzione gas liquefatti, ha poi aggiunto: “Di particolare rilevanza  l’invito fatto dalle Commissioni affinché il governo si adoperi, anche in sede europea, per assicurare che la valutazione degli impatti energetici e ambientali dei veicoli possa essere certificata secondo i princìpi del Life Cycle Assessment (Lca) per il calcolo delle emissioni di CO2, per valutare i reali impatti emissivi delle differenti alimentazioni delle auto, non solo con riferimento all’uso del veicolo, ma anche al suo processo di fabbricazione e al cosiddetto ‘fine vita’, consentendo così di valorizzare gli investimenti che l’industria sta portando avanti per lo sviluppo bio e rinnovabile dei carburanti gassosiconcludendo poiL’indirizzo fornito dal Parlamento auspichiamo che possa concretizzarsi anche nella messa in campo di apposite misure di promozione dell’utilizzo dei carburanti gassosi, da tempo richieste dalla nostra Associazione e che possano consentire di procedere ad un rinnovo in senso ambientale del parco veicolare più obsoleto, con specifici interventi di sostegno anche del retrofit a gas“.

In una nota a parte, Assogasliquidi-Federchimica ha aggiunto che: “Già previsti nella direttiva Dafi e richiamati nel Pnrr come carburanti strategici ai fini degli obiettivi di decarbonizzazione, il Gpl, il metano e il Gnl e le loro versioni bio, sono stati esplicitamente indicati nel parere espresso mercoledì scorso dalla Commissione Lavori Pubblici, che riprende il parere già formulato pochi giorni fa dalla Commissione Ambiente. I due pareri invitano il governo a considerare anche questi prodotti energetici all’interno del decreto legislativo in corso di definizione, per l’attuazione della direttiva Ue 2019/1161 relativa alla ‘promozione di veicoli puliti e a basso consumo energetico nel trasporto su strada’”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Vallourec fornirà i suoi prodotti ad Equinor

Vallourec, azienda francese leader nella soluzione di prodotti tubolari di alto livello per le industrie energetiche e dell'oil&gas ha firmato un accordo della durata...

Snam soddisfatta dell’indipendenza dal gas russo

Stefano Venier, CEO di Snam, ha partecipato venerdì 14 giugno ad un incontro organizzato dal  MIB Trieste School of Management, di cui egli stesso...

La joint venture TJN RUWAIS JV si aggiudica il contratto EPC per il progetto Ruwais LNG da ADNOC

Technip Energies, una società leader nel settore dell'ingegneria e della tecnologia per la transizione energetica, nonché leader di una joint venture con JGC e...

Matador Resources si espande nel Permiano

La società energetica indipendente Matador Resources Company, con sede negli Stati Uniti, ha annunciato l'intenzione di voler acquisire una partecipazione di trivellazione nel giacimento...

Uniper taglia i ponti con Gazprom

La compagnia energetica internazionale Uniper, di base a Düsseldorf, ha deciso di risolvere i contratti di fornitura che la legavano alla russa Gazprom, dopo...