mercoledì, Marzo 3, 2021

CINQUE NAVI CARICHE DI GASOLIO IRANIANO SI STANNO DIRIGENDO IN VENEZUELA

Must read

L’OPEC+ orientato a non aumentare (ancora) l’output petrolifero, e il prezzo del barile sale

Il prezzo del barile di petrolio è salito oggi (Brent +1,5% e WTI + 1,7%), sospinto dalla notizia che nel corso del prossimo meeting,...

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

E’ ormai prossima ad attraccare in Venezuela la prima delle 5 navi cisterna iraniane che riforniranno il Paese latinoamericano di diesel e altri prodotti raffinati, per un totale di 1,53 milioni di barili, forniti dal Governo ‘amico’ di Teheran.

Una mossa che ha generato l’immediata reazione di Washington, contraria ovviamente a questo tipo di transazione tra due stati entrambi oggetto di sanzioni economiche da parte degli USA, ma che il presidente Venezualeno Maduro ha definito una libera iniziativa commerciale “tra due Paesi che vogliono la pace e che non si piegheranno all’impero nordamericano”.

Le ragioni di questa maxi-spedizione, spiega la Reuters, risiedono nel fatto che quest’anno le raffinerie del Venezuela stanno lavorando al 10% della loro capacità massima, pari a 1,3 milioni di barili al giorno, e quindi il Governo di Caracas è stato costretto a ricorrere all’importazione, che però è molto limitata – nelle tipologie di prodotti e anche nelle fonti – proprio a causa dell’embargo americano.

La scelta di un altro Paese nella black-list di Washington è stata quindi obbligata, e ha offerto la sponda agli Stati Uniti per criticare nuovamente Maduro e stigmatizzarne i fallimenti in tema di economia, di cui questa onerosa operazione di importazione sarebbe una diretta conseguenza.

Sempre secondo l’agenzia britannica, l’amministrazione Trump nei giorni scorsi avrebbe fatto sapere di stare valutando “misure” contro questo deal internazionale, senza tuttavia specificare di che natura o entità.

In ogni caso, al netto della contrapposizione geopolitica, la 5 navi iraniane stanno continuando a viaggiare verso la costa venezuelana: la prima, la Fortune, ha ormai raggiunto la rada del porto di El Palito, scalo petrolifero gestito dalla corporation nazionale PDVSA vicino a Caracas, mentre la seconda, la Forest, è entrata sabato scorso nel Mar dei Caraibi. Le altre 3 tanker si trovano invece in navigazione nell’Oceano Atlantico, dirette anch’esse verso la costa venezuelana.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

L’OPEC+ orientato a non aumentare (ancora) l’output petrolifero, e il prezzo del barile sale

Il prezzo del barile di petrolio è salito oggi (Brent +1,5% e WTI + 1,7%), sospinto dalla notizia che nel corso del prossimo meeting,...

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...