mercoledì, Maggio 18, 2022

CINQUE NAVI CARICHE DI GASOLIO IRANIANO SI STANNO DIRIGENDO IN VENEZUELA

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

E’ ormai prossima ad attraccare in Venezuela la prima delle 5 navi cisterna iraniane che riforniranno il Paese latinoamericano di diesel e altri prodotti raffinati, per un totale di 1,53 milioni di barili, forniti dal Governo ‘amico’ di Teheran.

Una mossa che ha generato l’immediata reazione di Washington, contraria ovviamente a questo tipo di transazione tra due stati entrambi oggetto di sanzioni economiche da parte degli USA, ma che il presidente Venezualeno Maduro ha definito una libera iniziativa commerciale “tra due Paesi che vogliono la pace e che non si piegheranno all’impero nordamericano”.

Le ragioni di questa maxi-spedizione, spiega la Reuters, risiedono nel fatto che quest’anno le raffinerie del Venezuela stanno lavorando al 10% della loro capacità massima, pari a 1,3 milioni di barili al giorno, e quindi il Governo di Caracas è stato costretto a ricorrere all’importazione, che però è molto limitata – nelle tipologie di prodotti e anche nelle fonti – proprio a causa dell’embargo americano.

La scelta di un altro Paese nella black-list di Washington è stata quindi obbligata, e ha offerto la sponda agli Stati Uniti per criticare nuovamente Maduro e stigmatizzarne i fallimenti in tema di economia, di cui questa onerosa operazione di importazione sarebbe una diretta conseguenza.

Sempre secondo l’agenzia britannica, l’amministrazione Trump nei giorni scorsi avrebbe fatto sapere di stare valutando “misure” contro questo deal internazionale, senza tuttavia specificare di che natura o entità.

In ogni caso, al netto della contrapposizione geopolitica, la 5 navi iraniane stanno continuando a viaggiare verso la costa venezuelana: la prima, la Fortune, ha ormai raggiunto la rada del porto di El Palito, scalo petrolifero gestito dalla corporation nazionale PDVSA vicino a Caracas, mentre la seconda, la Forest, è entrata sabato scorso nel Mar dei Caraibi. Le altre 3 tanker si trovano invece in navigazione nell’Oceano Atlantico, dirette anch’esse verso la costa venezuelana.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...