giovedì, Maggio 13, 2021

CIPRO: LA TURCHIA VA AVANTI CON LE TRIVELLAZIONI OFFSHORE NONOSTANTE LE SANZIONI DELL’UE

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Nonostante le misure appena adottate da Bruxelles, la Turchia non fermerà le sue attività di perforazione, alla ricerca di idrocarburi, al largo delle coste di Cipro. Operazioni che l’UE giudica illegali.

Il 15 luglio, il Consiglio Esteri dell’UE ha infatti deciso di applicare alla Turchia una prima serie di sanzioni, proprio alla luce del fatto che, oltre a proseguire con il drilling ‘illegale’ (poiché effettuato in acque territoriali di Cipro, secondo Bruxelles) nell’offshore occidentale dell’isola, Ankara ha recentemente avviato una seconda campagna di trivellazioni al largo della costa nord-orientale di Cipro.

Tra le misure adottate dai ministri degli esteri europei c’è l’interruzione delle negoziazioni riguardo il Comprehensive Air Transport Agreement, la sospensione degli incontri di alto livello tra UE e Turchia e, soprattutto, il taglio dei fondi pre-adesione alla Turchia per il 2020.

Iniziative che tuttavia, secondo quanto dichiarato a stretto giro dal Ministero degli Esteri turco “non influenzeranno in nessun modo la determinazione della Turchia a proseguire con le attività”. In sostanza, le perforazioni offshore al largo di Cipro, a caccia di gas o petrolio, continueranno nonostante queste sanzioni.

Ankara ha infatti accusato l’Ue di essere “prevenuta e faziosa” nell’ignorare la comunità turca del nord di Cipro, “che ha eguali diritti sulle risorse naturali dell’isola”, e di avere un “comportamento non costruttivo” sulla vicenda.

L’isola – ricorda l’Ansa nella sua ricostruzione della vicenda – è divisa in due da 45 anni, quando la Turchia intervenne militarmente occupando la parte settentrionale (circa un terzo del territorio) in risposta a un tentativo di putsch sostenuto dalla giunta militare allora al potere in Grecia.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...