mercoledì, Febbraio 28, 2024

Costa d’Avorio e Italia: ecco i nuovi contratti di Saipem per 850 milioni di euro

Must read

Festa di Eni per il primo carico di GNL dal Congo

È in produzione, in Congo, il primo carico di Gas Naturale Liquefatto appartenente al progetto Congo LNG di Eni. A festeggiare il primo carico sono...

Accordo tra Equinor e Deepak Fertilizers per fornitura di GNL

La norvegese Equinor ha firmato un accordo della durata di 15 anni con Deepak Fertilizers, società petrolchimica indiana, per la fornitura di gas naturale...

Cronos-2 estende le partecipazioni di Eni nel Blocco 6

Con un comunicato stampa Eni ha oggi annunciato che la trivellazione effettuata nel pozzo Cronos-2, al largo di Cipro, ha portato i risultati sperati....

Uno studio di Shell ha rivelato che la domanda globale di GNL è destinata a salire

Secondo lo studio “GNL Outlook 2024” effettuato da Shell, la domanda globale di gas naturale liquefatto salirà notevolmente entro il 2040. Il fattore principale di...

Il primo dei due contratti ottenuti da Saipem è di tipo SURF – Subsea Umbilicals, Risers and Flowlines – ed è stato assegnato da ENI e dal suo partner Petroci per lo sviluppo del giacimento Baleine Phase 2 situato al largo della Costa d’Avorio.

Questo lavoro, che prevede l’EPCI – Engineering, Procurement, Construction and Installation – di 20 km di linee rigide, 10 km di risers e jumpers flessibili e 15 km di ombelicali, inizierà nel 2024 e verrà svolti dalle navi da costruzione offshore di Saipem.

Il secondo contratto, quello ottenuto in Italia, è stato assegnato da Snam in associazione temporanea di imprese (ATI) con uno dei maggiori contractor dell’industria offshore Microperi e con Rosetti Marino, gruppo industriale di cantieristica navale e riguarda la realizzazione degli impianti della nuova FSRU da ancorare al largo di Ravenna, nel Mar Adriatico.

Anche in questo caso si tratta di un contratto EPCI per una nuova struttura dedita all’attracco e all’ormeggio della FSRU – Floating Storage and Regasification Unit – che verrà collegata alla terraferma tramite una condotta da 26 pollici (66,04 cm) e lunga 8,5 chilometri, che verrà completata con un ultimo pezzo onshore lungo 2,6 chilometri. Inoltre questa condotta sarà affiancata da un cavo parallelo in fibra ottica.

Le operazioni saranno eseguite dalla nave posatubi di Saipem Castoro 10 e, una volta terminati, permetteranno di aumentare la capacità di importazione di gas naturale liquefatto in Italia, per incrementare la sicurezza energetica del Belpaese.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Festa di Eni per il primo carico di GNL dal Congo

È in produzione, in Congo, il primo carico di Gas Naturale Liquefatto appartenente al progetto Congo LNG di Eni. A festeggiare il primo carico sono...

Accordo tra Equinor e Deepak Fertilizers per fornitura di GNL

La norvegese Equinor ha firmato un accordo della durata di 15 anni con Deepak Fertilizers, società petrolchimica indiana, per la fornitura di gas naturale...

Cronos-2 estende le partecipazioni di Eni nel Blocco 6

Con un comunicato stampa Eni ha oggi annunciato che la trivellazione effettuata nel pozzo Cronos-2, al largo di Cipro, ha portato i risultati sperati....

Uno studio di Shell ha rivelato che la domanda globale di GNL è destinata a salire

Secondo lo studio “GNL Outlook 2024” effettuato da Shell, la domanda globale di gas naturale liquefatto salirà notevolmente entro il 2040. Il fattore principale di...

La raffineria Sarroch di Saras passa al gruppo Vitol

La società olandese Vitol ha acquisito il 35% delle azioni di Saras, storica azienda italiana attiva nel campo della raffinazione di petrolio fondata dalla famiglia Moratti nel...