martedì, Luglio 23, 2024

Costa d’Avorio e Italia: ecco i nuovi contratti di Saipem per 850 milioni di euro

Must read

L’importanza della sicurezza informatica e della comunicazione ad essa dedicata

È vero, in questo caso non si è trattato di un attacco di sicurezza informatica. Ma il “piccolo” incidente di percorso capitato a Crowdstrike, una delle più...

Chevron accelera lo sviluppo sfruttando le nuove tecnologie

"Le nuove tecnologie possono fare la differenza nel campo dello sviluppo energetico offshore", dichiara Matt Johnson, specialista nello sviluppo dei giacimenti e nell'ottimizzazione del...

Saipem si aggiudica i lavori per il gasdotto GreenStream

La società energetica Saipem si è aggiudicata un contratto per la sorveglianza e i servizi di intervento sottomarino per il gasdotto GreenStream, che collega...

TotalEnergies vende la sua quota in SPDC JV

TotalEnergies EP Nigeria, controllata africana della multinazionale francese, ha annunciato di aver raggiunto un accordo di compravendita con Chappal Energies - azienda energetica con...

Il primo dei due contratti ottenuti da Saipem è di tipo SURF – Subsea Umbilicals, Risers and Flowlines – ed è stato assegnato da ENI e dal suo partner Petroci per lo sviluppo del giacimento Baleine Phase 2 situato al largo della Costa d’Avorio.

Questo lavoro, che prevede l’EPCI – Engineering, Procurement, Construction and Installation – di 20 km di linee rigide, 10 km di risers e jumpers flessibili e 15 km di ombelicali, inizierà nel 2024 e verrà svolti dalle navi da costruzione offshore di Saipem.

Il secondo contratto, quello ottenuto in Italia, è stato assegnato da Snam in associazione temporanea di imprese (ATI) con uno dei maggiori contractor dell’industria offshore Microperi e con Rosetti Marino, gruppo industriale di cantieristica navale e riguarda la realizzazione degli impianti della nuova FSRU da ancorare al largo di Ravenna, nel Mar Adriatico.

Anche in questo caso si tratta di un contratto EPCI per una nuova struttura dedita all’attracco e all’ormeggio della FSRU – Floating Storage and Regasification Unit – che verrà collegata alla terraferma tramite una condotta da 26 pollici (66,04 cm) e lunga 8,5 chilometri, che verrà completata con un ultimo pezzo onshore lungo 2,6 chilometri. Inoltre questa condotta sarà affiancata da un cavo parallelo in fibra ottica.

Le operazioni saranno eseguite dalla nave posatubi di Saipem Castoro 10 e, una volta terminati, permetteranno di aumentare la capacità di importazione di gas naturale liquefatto in Italia, per incrementare la sicurezza energetica del Belpaese.

Latest article

L’importanza della sicurezza informatica e della comunicazione ad essa dedicata

È vero, in questo caso non si è trattato di un attacco di sicurezza informatica. Ma il “piccolo” incidente di percorso capitato a Crowdstrike, una delle più...

Chevron accelera lo sviluppo sfruttando le nuove tecnologie

"Le nuove tecnologie possono fare la differenza nel campo dello sviluppo energetico offshore", dichiara Matt Johnson, specialista nello sviluppo dei giacimenti e nell'ottimizzazione del...

Saipem si aggiudica i lavori per il gasdotto GreenStream

La società energetica Saipem si è aggiudicata un contratto per la sorveglianza e i servizi di intervento sottomarino per il gasdotto GreenStream, che collega...

TotalEnergies vende la sua quota in SPDC JV

TotalEnergies EP Nigeria, controllata africana della multinazionale francese, ha annunciato di aver raggiunto un accordo di compravendita con Chappal Energies - azienda energetica con...

Scoperto un giacimento di petrolio immenso in Kuwait

La compagnia petrolifera Kuwait Oil Company, dell'omonimo paese emirato, ha annunciato la scoperta di un giacimento incredibilmente vasto nell'offshore al largo dell'Isola Failaka. Stando...