venerdì, Maggio 20, 2022

CRESCITA ESPONENZIALE PER IL TRAFFICO DI GNL ATTRAVERSO IL CANALE DI PANAMA

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Il flusso di GNL trasportato via nave attraverso il Canale di Panama è destinato a crescere molto rapidamente: secondo le previsioni fornite all’agenzia di stampa Reuters da Jorge Quijano, vertice della Panama Canal Authority, nel 2017 sono stati in totale 6 milioni le tonnellate di gas naturale liquefatto che hanno attraversato l’infrastruttura centro americana, mentre per il 2020 il volume dovrebbe raggiungere i 30 milioni di tonnellate.

La dinamica è peraltro in corso già da alcuni anni, spinta dall’incremento di output di gas dell’Australia e degli USA (grazie allo sfruttamento massiccio delle riserve di shale gas di recente scoperta), e al contemporaneo aumento della domanda di gas naturale di alcuni paesi a partire dalla Cina, che sta passando dal carbone a questo combustibile meno inquinante molto più rapidamente di quanto gli analisti si aspettassero.

Il vero balzo in avanti dei traffici di GNL attraverso il Canale di Panama è però atteso nei prossimi anni, quando al terminal per l’export di Sabine Pass in Louisinana, e a quello appena inaugurato di Cove Point, nel Maryland, si affiancheranno una serie di altri impianti portuali per la spedizione marittima di GNL che gli USA stanno ultimando proprio in questi mesi e che entreranno in funzione progressivamente da qui al 2020. La capacità di export statunitense, sempre secondo la Reuters, dovrebbe quindi passare rapidamente dai 18 milioni di tonnellate del 2017 a oltre 70 milioni di tonnellate, una parte significativa delle quali transiteranno proprio attraverso il canale panamense. Solo quest’anno sono previste in transito per il ‘Canal’ 11 milioni di tonnellate di gas americano, che diventeranno circa 20 milioni già nel 2019.

A testimonianza del crescente traffico di GNL su questa rotta, lo scorso 17 aprile per la prima volta 3 navi gasiere hanno attraversato nello stesso giorno il Canale di Panama, evento eccezionale che, però, presto potrebbe trasformarsi nella normalità.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...