giovedì, Maggio 13, 2021

CROLLO DELLA DOMANDA DI GREGGIO: SI TORNA AI LIVELLI DI CONSUMO DEL 1995

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Nel corso del 2020 la domanda globale di petrolio diminuirà di 9,3 milioni di barili al giorno, una cifra da record che riporterà i consumi di greggio ai livelli di oltre 20 anni fa, e precisamente del 1995.

A dirlo, in un recente report, è l’International Energy Agency (EIA), che stima gli effetti sul mercato petrolifero delle misure di lockdown attuate da 187 paesi per fronteggiare l’emergenza coronavirus, la cui principale conseguenza è stata quella di bloccare di fatto la mobilità, riducendo drasticamente il consumo di quasi ogni tipologia di carburante.

L’EIA passa poi ad analizzare il lato dell’offerta di greggio, sostenendo che i tagli alla produzione globale stabiliti nei giorni scorsi dal cosiddetto OPEC + non potranno avere effetti immediati, ma potranno aiutare il mercato a riprendersi nel corso della seconda metà dell’anno.

Non esiste ad oggi nessun accordo realizzabile – secondo l’agenzia – che possa tagliare la produzione globale tanto da pareggiare il crollo della domanda nel breve termine. Ma i tagli concordati la scorsa settimana sono comunque una solida base da cui partire, e possono iniziare a manifestare i loro effetti sul mercato nella seconda metà dell’anno. Abbassando il picco dell’eccesso di offerta e appiattendo la curva degli stoccaggi, questi tagli possono aiutare un sistema molto complesso ad assorbire gli effetti peggiori di questa crisi”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...