lunedì, Aprile 22, 2024

DA GOLDMAN SACHS STOP AI FINANZIAMENTI PER TRIVELLAZIONI IN ARTICO

Must read

Novità al vertice: Maurizio Coratella è il nuovo Vicepresidente di McDermott

Maurizio Coratella, aresino classe 1965, è stato nominato Vicepresidente esecutivo e Direttore operativo di McDermott International Ltd, presso cui presterà servizio a partire dal...

Nuova scoperta di Petrobras in acque profonde

Nel bacino del Potiguar, a circa 190 chilometri da Fortaleza, in Brasile, Petrobras ha scoperto un accumulo di petrolio in acque ultra profonde a...

Pichetto Fratin: “Gas indispensabile fino al 2050”

Nel corso di un'intervista rilasciata dal Ministro dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica Gilberto Pichetto Fratin a Simone Spetia e andata in onda durante la...

TotalEnergies si espande in Texas

La multinazionale francese TotalEnergies ha acquisito il 20% della partecipazione al progetto Dorado nell'ambito del giacimento di gas naturale Eagle Ford, in Texas, detenuto...

Goldman Sachs ha annunciato, ed è stata la prima banca internazionale a farlo, che non finanzierà più progetti di trivellazione petrolifera nella regione dell’Artico.

La decisione è parte di una nuova politica ambientale dell’azienda di Wall Street, che prevede anche un analogo ‘stop’ per i finanziamenti a nuove miniere di carbone e alla realizzazione di nuove centrali elettriche a carbone in tutto il mondo, così come a tutti quegli altri investimenti che potrebbero in qualche modo avere un impatto negativo sull’ambiente.

Goldman Sachs ha anche annunciato che investirà 750 milioni di dollari nei prossimi 10 anni in settori correlati con la transizione energetica.

La decisione di non finanziare più attività di trivellazione in area artica era già stata presa o in definizione da parte di altre primarie banche internazionali tra cui Unicredit, Royal Bank of Scotland e Barclays.

Le preoccupazioni sono basate sul fatto che la temperatura media dell’Artico sta salendo a velocità doppia rispetto a quella globale, comunque in crescita.

Lo scorso ottobre, l’associazione Sierra Club and Rainforest Action Network aveva chiesto a Goldman Sach e ad altre banche d’investimento come JPMorgan Chase, di ritirare il loro supporto finanziario all’IPO di Saudi Aramco, la corporation petrolifera nazionale dell’Arabia Saudita che è considerata la più grande emittente corporate di diossido di carbonio del mondo.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Novità al vertice: Maurizio Coratella è il nuovo Vicepresidente di McDermott

Maurizio Coratella, aresino classe 1965, è stato nominato Vicepresidente esecutivo e Direttore operativo di McDermott International Ltd, presso cui presterà servizio a partire dal...

Nuova scoperta di Petrobras in acque profonde

Nel bacino del Potiguar, a circa 190 chilometri da Fortaleza, in Brasile, Petrobras ha scoperto un accumulo di petrolio in acque ultra profonde a...

Pichetto Fratin: “Gas indispensabile fino al 2050”

Nel corso di un'intervista rilasciata dal Ministro dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica Gilberto Pichetto Fratin a Simone Spetia e andata in onda durante la...

TotalEnergies si espande in Texas

La multinazionale francese TotalEnergies ha acquisito il 20% della partecipazione al progetto Dorado nell'ambito del giacimento di gas naturale Eagle Ford, in Texas, detenuto...

McDermott firma un grosso contratto in Malesia

A distanza di 14 anni dal primo progetto malese, McDermott ottiene un nuovo contratto, dal valore compreso tra 1 e 50 milioni di dollari,...