mercoledì, Marzo 3, 2021

GNL: EDISON OTTIENE LA CONCESSIONE PORTUALE PER IL SUO DEPOSITO DI ORISTANO

Must read

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Ha registrato un importante avanzamento il progetto promosso da Edison per realizzare un deposito costiero di GNL nel porto industriale di Oristano Santa Giusta, in Sardegna (lo stesso scalo dove anche Higas sta realizzando un’analoga struttura la cui costruzione è già in corso).

La corporation di Foro Bonaparte – interamente controllata dal gruppo francese EdF – ha infatti firmato con l’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sardegna la concessione per l’occupazione delle aree demaniali nello scalo di Oristano, accordo propedeutico alla realizzazione di una banchina per le navi a servizio del deposito di GNL. La concessione, che diventerà effettiva dal 1° gennaio 2020, ha una durata di 50 anni.

Il progetto di Edison, che prevede la costruzione di un deposito da 10.000 metri cubi di capacità per il rifornimento sia di navi che di mezzi pesanti alimentati a gas naturale liquefatto, ha già ottenuto l’autorizzazione alla costruzione ed esercizio dal Ministero dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, nel gennaio 2018.

Si tratta della seconda iniziativa di questo tipo portata avanti da Edison, che ha Ravenna sta già costruendo, in collaborazione con l’azienda locale PIR (Petrolifera Italo Rumena), un altro deposito dedicato al GNL, che sorgerà lungo le sponde del porto canale e che avrà una capacità di 20.000 metri cubi, quando entrerà in esercizio nel corso del 2021.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...