venerdì, Maggio 20, 2022

GNL: EDISON OTTIENE LA CONCESSIONE PORTUALE PER IL SUO DEPOSITO DI ORISTANO

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Ha registrato un importante avanzamento il progetto promosso da Edison per realizzare un deposito costiero di GNL nel porto industriale di Oristano Santa Giusta, in Sardegna (lo stesso scalo dove anche Higas sta realizzando un’analoga struttura la cui costruzione è già in corso).

La corporation di Foro Bonaparte – interamente controllata dal gruppo francese EdF – ha infatti firmato con l’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sardegna la concessione per l’occupazione delle aree demaniali nello scalo di Oristano, accordo propedeutico alla realizzazione di una banchina per le navi a servizio del deposito di GNL. La concessione, che diventerà effettiva dal 1° gennaio 2020, ha una durata di 50 anni.

Il progetto di Edison, che prevede la costruzione di un deposito da 10.000 metri cubi di capacità per il rifornimento sia di navi che di mezzi pesanti alimentati a gas naturale liquefatto, ha già ottenuto l’autorizzazione alla costruzione ed esercizio dal Ministero dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, nel gennaio 2018.

Si tratta della seconda iniziativa di questo tipo portata avanti da Edison, che ha Ravenna sta già costruendo, in collaborazione con l’azienda locale PIR (Petrolifera Italo Rumena), un altro deposito dedicato al GNL, che sorgerà lungo le sponde del porto canale e che avrà una capacità di 20.000 metri cubi, quando entrerà in esercizio nel corso del 2021.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...