venerdì, Aprile 23, 2021

ENTRA IN PRODUZIONE IL MAXI-GIACIMENTO DI GAS ISRAELIANO LEVIATHAN

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

Il giacimento di gas Leviathan, scoperto dall’americana Noble Energy nel 2010 nelle acque territoriali di Israele, entrerà in produzione a giorni.

E’ la stampa israeliana a riportare la notizia dell’ormai imminente avvio delle attività per questo-maxi progetto che riguarda lo sviluppo del più grande giacimento di gas deep-water del mondo.

Un passo che i vertici istituzionali del Paese mediorientale hanno definito ‘storico’, e grazia al quale Tel Aviv da importatore di gas diventerà, per la prima volta nella sua storia, un esportatore netto di questa commodity, raggiungendo quindi anche la piena indipendenza energetica.

Secondo ‘The Time of Israel’, la produzione commerciale di gas dovrebbe partire entro fine anno, mentre l’export verso paesi terzi – a partire dall’Egitto, con cui il ministro israeliano per l’energia Yuval Steinitz ha firmato un accordo nelle scorse settimane (altro passo storico nello sviluppo dei rapporti tra i due Paesi vicini) – prenderebbe avvio solo poche settimane dopo.

Situato nel Mediterraneo Orientale, 125 Km a ovest di Hifa, il giacimento dispone di riserve stimate in 22 trilioni di piedi cubi ed è stato sviluppato da Noble Energy – che lo ha scoperto e che ne è operatore – insieme ai partner e Delek Drilling LP e Ratio Oil Exploration 1992 LP, con un investimento che solo per la prima fase è ammontato a 3,75 miliardi di dollari, valori che lo rendono il più grande progetto privato mai realizzato in Israele.

Grazie a 4 pozzi con una profondità media di 5 Km sotto il livello del mare, il Leviathan a pieno regime sarà in grado di produrre 12 miliardi di metri cubi di gas all’anno, rendendo Israele un primario esportatore di gas naturale.

Ogni anno, infatti, il Paese – secondo i dati della Natural Gas Authority – consuma 11,3 bcm di gas, il 92% dei quali coperti dalla produzione del giacimento Tamar, il primo scoperto nell’offshore israeliano, in produzione dal 2013 con un output annuale di 10 bcm. La quota restante di fabbisogno è soddisfatta tramite import id GNL, ma da oggi tutto è destinato a cambiare: quell’8% che il Tamar non riesce a coprire verrà colmato dal Leviathan, mentre tutto il resto della produzione del nuovo giacimento, oltre 10 bcm all’anno, verrà venduta all’estero facendo di Israele un primario fornitore internazionale di gas naturale.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...