martedì, Febbraio 7, 2023

LA CROATA INA INVESTIRÀ 500 MILIONI PER POTENZIARE LA SUA RAFFINERIA DI RIJECA

Must read

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Il gruppo energetico croato INA (partecipato dalla corporation ungherese MOL e dal Governo di Zagabria) ha deciso di investire circa 500 milioni di euro (per la precisione 4 miliardi di kune croate) nell’ammodernamento delle sua raffineria di Rijeka.

Si tratta di uno dei due stabilimenti gestiti dalla società in Croazia: il secondo, più piccolo, si trova nella cittadina interna di Siska, e nel 2021 verrà trasformato in un impianto per la produzione di bitume.

Entrambi gli investimenti – scrive la Reuters – sono parte della strategia di INA per riportare al profitto le sue attività, dopo anni di risultati deludenti.

Nei giorni scorsi il management di INA ha preso la decisione finale di investimento (il più grande mai fatto dalla società in Croazia) in relazione ai lavori per l’upgrade della raffineria di Rijeka, che – ha spiegato l’azienda croata in una nota – inizieranno al più presto e saranno completati entro il 2023. L’obbiettivo dell’intervento è quello di aumentare la capacità produttiva di carburanti per autotrazione, che generano un maggior profitto rispetto ad altre categorie di prodotti, riducendone così anche la necessità di importazioni da fonti estere.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...