lunedì, Maggio 27, 2024

LA CROATA INA INVESTIRÀ 500 MILIONI PER POTENZIARE LA SUA RAFFINERIA DI RIJECA

Must read

Saipem ottiene un nuovo contratto in Angola

In base ad un accordo firmato con Azule Energy Angola, Saipem ha ottenuto un contratto per lo sviluppo del progetto Ndungu Field, che fa...

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

Il gruppo energetico croato INA (partecipato dalla corporation ungherese MOL e dal Governo di Zagabria) ha deciso di investire circa 500 milioni di euro (per la precisione 4 miliardi di kune croate) nell’ammodernamento delle sua raffineria di Rijeka.

Si tratta di uno dei due stabilimenti gestiti dalla società in Croazia: il secondo, più piccolo, si trova nella cittadina interna di Siska, e nel 2021 verrà trasformato in un impianto per la produzione di bitume.

Entrambi gli investimenti – scrive la Reuters – sono parte della strategia di INA per riportare al profitto le sue attività, dopo anni di risultati deludenti.

Nei giorni scorsi il management di INA ha preso la decisione finale di investimento (il più grande mai fatto dalla società in Croazia) in relazione ai lavori per l’upgrade della raffineria di Rijeka, che – ha spiegato l’azienda croata in una nota – inizieranno al più presto e saranno completati entro il 2023. L’obbiettivo dell’intervento è quello di aumentare la capacità produttiva di carburanti per autotrazione, che generano un maggior profitto rispetto ad altre categorie di prodotti, riducendone così anche la necessità di importazioni da fonti estere.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Saipem ottiene un nuovo contratto in Angola

In base ad un accordo firmato con Azule Energy Angola, Saipem ha ottenuto un contratto per lo sviluppo del progetto Ndungu Field, che fa...

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

BP concede una boccata d’aria ai bilanci azeri

BP, colosso petrolifero britannico, ha annunciato di aver avviato la produzione di petrolio e gas nella nuova piattaforma petrolifera costruita nel giacimento Azeri-Chirag-Deepwater Gunashli...