giovedì, Ottobre 6, 2022

GREGGIO: CRESCE DEL 2% L’IMPORT ITALIANO NEI PRIMI 9 MESI DEL 2019, IRAQ PRIMO FORNITORE

Must read

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Nei primi 9 mesi del 2019 l’import italiano di petrolio greggio si è dimostrato sostanzialmente stabile, arrivando a 47,44 milioni di tonnellate, l’1,9% in più rispetto al dato del corrispondente periodo del 2018.

Durante questo intervallo, però, è mutata la geografia delle forniture, con un avvicendamento ai primi posti della classifica dei Paesi di origine del petrolio importato, secondo i dati recentemente diffusi dall’Unione Petrolifera.

Se infatti nel corso dell’intero 2018 il nostro principale fornitore di greggio era stato l’Azerbaijan con circa 11,8 milioni di tonnellate, nel periodo gennaio-settembre di quest’anno è l’Iraq ad aver venduto il maggior quantitativo di ‘oro nero’ al Belpaese: 10,1 milioni di tonnellate, con una crescita di oltre il 61% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (guardando al 2018 nel suo complesso, l’Iraq era stato il secondo fornitore).

L’Azerbaijan resta comunque al secondo posto nel ranking con 7,58 milioni di tonnellate di greggio esportate verso l’Italia nei primi 9 mesi del 2019, cifra che però costituisce un calo dell’8,3% rispetto ai primi 9 mesi del 2018. Segue quindi la Russia con 6,84 milioni di tonnellate, volume quasi doppio (+78%) rispetto a quello registrato nello stesso periodo dello scorso anno.

Al quarto posto si trova la Libia con 5,44 milioni di tonnellate (+8,9%), mentre al quinto e al sesto ci sono l’Arabia Saudita (3,81 milioni di tonnellate; -28,7%) e il Kazakistan (3,21 milioni di tonnellate; +53,6%).

Da segnalare, come prevedibile, lo ‘zero spaccato’ dell’Iran, a causa delle sanzioni USA (nel corso del 2018, fino ad ottobre ovvero prima che l’embargo di Washington diventasse effettivo, il Paese degli ayatollah aveva venduto all’Italia circa 6 milioni di tonnellate di greggio), il forte incremento della Nigeria a 3 milioni di tonnellate (+64,3%) e un calo piuttosto significativo degli USA: -32,7% a poco meno di un milione di tonnellate.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Petrobras conclude la vendita dei giacimenti di Ceará

La compagnia petrolifera statale Petrobras, ha affermato in un comunicato di aver concluso la vendita di tutte le sue partecipazioni nei giacimenti onshore di...