martedì, Febbraio 7, 2023

VARATA IN GIAPPONE LA PRIMA NAVE PER IL TRASPORTO DI IDROGENO LIQUEFATTO

Must read

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Il cantiere giapponese Kawasaki Heavy Industries ha battezzato, con il nome di Suiso Frontier, la prima nave al mondo destinata a trasportare idrogeno liquefatto, presso il suo stabilimento Kobe Works.

La nave, di proprietà della CO2-free Hydrogen Energy Supply-chain Technology Research Association (HySTRA), è progettata per trasportare grandi quantità di idrogeno liquefatto, che per viaggiare allo stato liquido, in cui occupa 1/800 del volume rispetto allo stato gassoso, deve essere conservato a -253 gradi centigradi.

La cisterna appositamente realizzata per lo stoccaggio dell’idrogeno liquido, che avrà una capacità di 1.250 metri cubi, è attualmente in costruzione da parte del fornitore giapponese Harima Works e verrà poi installata sulla newbuilding, che dovrebbe essere completata e consegnata al suo armatore a fine 2020.

“Una volta ultimata, la Susiso Frontier sarà utilizzata per test e dimostrazioni tecnologiche nel corso del prossimo anno in Giappone, con l’obbiettivo di sviluppare una supply chain energetica internazionale per trasportare in Giappone l’idrogeno liquefatto prodotto in Australia” ha spiegato il cantiere navale nipponico.

Questa nuova catena logistica dovrebbe essere sviluppata nell’ambito dei progetti dimostrativi della New Energy and Industrial Technology Development Organization’s (NEDO) per la creazione di una supply chain marittima dedicata all’idrogeno.

Il progetto pilota, che si concretizzerà nel 2020-2021, prevede la produzione di idrogeno presso un impianto ubicato a Latrobe Valley, in Australia, la liquefazione e lo stoccaggio del prodotto a Hastings e quindi il suo trasporto via mare fino in Giappone, grazie appunto all’impiego della nuova nave Suiso Frontier.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...