giovedì, Maggio 13, 2021

ENI: DESCALZI IN QATAR PER ESPLORARE NUOVE OPPORTUNITA’ NEL SETTORE DEL GAS

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Ha assunto tutte le caratteristiche di una visita ufficiale, quella del numero uno dell’Eni ClaudIo Descalzi in Qatar.

Il CEO della corporation italiana nei giorni scorsi si è infatti recato a Doha, capitale dello stato mediorientale – salito agli onori delle cronache in questo periodo a causa dell’embargo applicato da molti dei paesi arabi confinanti – dove ha incontrato l’Emiro del Qatar Tamim bin Hamad Al Thani e il Ministro degli Esteri Mohammed bin Abdulrahman Al Thani.

Descalzi ha quindi incontrato il Presidente e Chief Executive di Qatar Petroleum, azienda statale del Qatar, che è il primo esportatore mondiale di gas naturale liquefatto (GNL): con una capacità di liquefazione di 77 milioni di tonnellate annue, nel 2016 ha assicurato il 30% del consumo mondiale di GNL.

I due manager hanno discusso vari aspetti dell’attuale e possibile futura cooperazione tra Qatar ed Eni nel settore dell’LNG e in generale nel settore petrolifero.

L’azienda di San Donato Milanese intrattiene da tempo rapporti privilegiati con Qatar Petroleum, di cui è uno dei primi clienti sulla base di un contratto di forniturA di lunga durata. Il gas proveniente dal Qatar resta quindi fondamentale per l’Eni, che tuttavia punta sempre di più a integrare l’acquisto da terzi con GNL di propria produzione, grazie alla consistenti e recenti scoperte messe a segno in questo ambito.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...