sabato, Giugno 22, 2024

ENI: NUOVA SCOPERTA DI PETROLIO NELL’OFFSHORE DELL’ANGOLA, VICINO AL WEST HUB

Must read

Equinor svilupperà due impianti di stoccaggio di CO2 nel Mare del Nord

La Norvegese Equinor si è aggiudicata due contratti per lo sviluppo di altrettanti impianti di stoccaggio di CO2 nel Mare del Nord. Si prevede...

TotalEnergies e NNPCL espandono le perforazioni in Nigeria

Il colosso francese TotalEnergies e la Nigerian National Petroleum Corporation Ltd, società petrolifera nigeriana, detengono la partecipazione della licenza OML 58 con un rapporto...

Shell acquisirà Pavilion Energy

Shell Plc, tramite la sua sussidiaria Shell Eastern Trading Pte. Ltd, ha annunciato l'intenzione di acquisire la società energetica Pavilion Energy, di Singapore, controllata...

Vallourec fornirà i suoi prodotti ad Equinor

Vallourec, azienda francese leader nella soluzione di prodotti tubolari di alto livello per le industrie energetiche e dell'oil&gas ha firmato un accordo della durata...

L’Eni ha effettuato una nuova scoperta di petrolio nell’offshore dell’Angola, Paese in cui l’zienda italiana è presente da tempo ed attiva sia in ambito offshore che onshore.

Il nuovo pozzo esplorativo Ndungu 1 NFW, situato all’interno del nel Blocco 15/06 nel deep offshore angolano, a pochi km dalle installazioni Eni offshore del West Hub, è stato perforato dalla nave di perforazione Poseidon, in una profondità d’acqua di 1076 metri, raggiungendo una profondità totale di 4050 metri, ed ha incontrato una singola colonna mineralizzata a petrolio leggero (35 API°) di 65 m di spessore e 45 m di reservoir netto in arenarie di età Oligocenica con eccellenti proprietà petrofisiche. Nel pozzo – spiega il ‘cane a sei zampe’ – è stata effettuata un’intensa campagna di acquisizione dati che ne ha indicato una capacità produttiva superiore ai 10.000 barili di olio/giorno.

La scoperta si trova a 2 km dal campo di Mpungi, e potrà quindi essere rapidamente allacciata alla produzione grazie al collegamento alla FPSO N’goma (West Hub), aumentando la capacità produttiva del West Hub.

Ndungu è la quarta scoperta di natura commerciale, spiega ancora la corporation di San Donato Milanese, effettuata con la ripresa, a metà 2018, della campagna esplorativa da parte della Joint Venture del Blocco 15/06, formata da Eni (operatore, 36,8421%), Sonangol P&P (36.8421%) e SSI Fifteen Limited (26.3158%): segue infatti le scoperte di Kalimba, Afoxé e Agogo. Le 4 scoperte complessivamente sono stimate contenere già oggi fino a 1.4 miliardi di barili di olio leggero in posto.

L’Eni è presente in Angola dal 1980, e ha oggi una produzione equity pari a 150.000 barili di olio equivalente/giorno. Nel Blocco 15/06 Eni opera i progetti di sviluppo West Hub e East Hub che producono attualmente 155.000 barili giorni di olio (100%). Eni è anche operatore del blocco onshore Cabinda Norte.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Equinor svilupperà due impianti di stoccaggio di CO2 nel Mare del Nord

La Norvegese Equinor si è aggiudicata due contratti per lo sviluppo di altrettanti impianti di stoccaggio di CO2 nel Mare del Nord. Si prevede...

TotalEnergies e NNPCL espandono le perforazioni in Nigeria

Il colosso francese TotalEnergies e la Nigerian National Petroleum Corporation Ltd, società petrolifera nigeriana, detengono la partecipazione della licenza OML 58 con un rapporto...

Shell acquisirà Pavilion Energy

Shell Plc, tramite la sua sussidiaria Shell Eastern Trading Pte. Ltd, ha annunciato l'intenzione di acquisire la società energetica Pavilion Energy, di Singapore, controllata...

Vallourec fornirà i suoi prodotti ad Equinor

Vallourec, azienda francese leader nella soluzione di prodotti tubolari di alto livello per le industrie energetiche e dell'oil&gas ha firmato un accordo della durata...

Snam soddisfatta dell’indipendenza dal gas russo

Stefano Venier, CEO di Snam, ha partecipato venerdì 14 giugno ad un incontro organizzato dal  MIB Trieste School of Management, di cui egli stesso...