mercoledì, Aprile 21, 2021

ENI OTTIENE UNA NUOVA LICENZA DI TRIVELLAZIONE OFFSHORE IN NORVEGIA

Must read

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...

Il Norwegian Petroleum Directorate (NPD) ha assegnato a Eni Norge, filiale locale del gruppo italiano Eni, un nuovo permesso di perforazione.

Secondo quanto riportato dalla stampa internazionale, il nuovo pozzo sarà trivellato con l’utilizzo del drilling rig Scarabeo 8, di proprietà di Saipem, e si troverà nell’ambito della licenza 697, di cui Eni Norge è operatore e detiene il 70% delle quote, mentre gli altri partner sono Edison Norge con il 20% e Concedo ASA con il 10%.

In particolare, l’area su cui insiste questa licenza produttiva, e in cui verrà scavato il nuovo e primo pozzo nell’ambito della stessa licenza (concessa nel 2013), consiste nella porzione nord-occidentale del blocco 7122/10, che si trova a soli 10 Km dal giacimento Goliat.

Quest’ultimo, scoperto e operato dall’Eni Norge con il 65%, è il più grande giacimento petrolifero offshore nel Mar di Barnets e a pieno regime (la produzione è partita nel 2016) garantirà un output di 100.000 barili di greggio al giorno grazie all’utilizzo della FPSO Sevan 1000, la più grande unità di forma cilindrica di questa tipologia, costruita dai cantieri sudcoreani Hyundai Heavy Industries.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...

PAROLE DI SCIENZA (a cura di Roberto Vacca) Il degrado culturale corrompe il nostro pensare

Se eri considerato una persona colta vari decenni fa , e anche se hai provato ad aggiornarti, ti senti come lo scemo del villaggio...