venerdì, Ottobre 22, 2021

ENI OTTIENE UNA NUOVA LICENZA DI TRIVELLAZIONE OFFSHORE IN NORVEGIA

Must read

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...

Il prezzo del petrolio venezuelano è aumentato del 41%

Il prezzo del greggio ha raggiunto lo scorso settembre 54,96 dollari al barile, un prezzo inferiore del 25% rispetto alla media di riferimento dell'insieme...

Il Norwegian Petroleum Directorate (NPD) ha assegnato a Eni Norge, filiale locale del gruppo italiano Eni, un nuovo permesso di perforazione.

Secondo quanto riportato dalla stampa internazionale, il nuovo pozzo sarà trivellato con l’utilizzo del drilling rig Scarabeo 8, di proprietà di Saipem, e si troverà nell’ambito della licenza 697, di cui Eni Norge è operatore e detiene il 70% delle quote, mentre gli altri partner sono Edison Norge con il 20% e Concedo ASA con il 10%.

In particolare, l’area su cui insiste questa licenza produttiva, e in cui verrà scavato il nuovo e primo pozzo nell’ambito della stessa licenza (concessa nel 2013), consiste nella porzione nord-occidentale del blocco 7122/10, che si trova a soli 10 Km dal giacimento Goliat.

Quest’ultimo, scoperto e operato dall’Eni Norge con il 65%, è il più grande giacimento petrolifero offshore nel Mar di Barnets e a pieno regime (la produzione è partita nel 2016) garantirà un output di 100.000 barili di greggio al giorno grazie all’utilizzo della FPSO Sevan 1000, la più grande unità di forma cilindrica di questa tipologia, costruita dai cantieri sudcoreani Hyundai Heavy Industries.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...

Il prezzo del petrolio venezuelano è aumentato del 41%

Il prezzo del greggio ha raggiunto lo scorso settembre 54,96 dollari al barile, un prezzo inferiore del 25% rispetto alla media di riferimento dell'insieme...

Brasile vuole aumentare importazioni di gas e urea dalla Bolivia

Lo stato brasiliano del Mato Grosso ha manifestato l’interesse di acquistare gas naturale e urea della Bolivia, giustificata da una fase di crescita industriale,...