venerdì, Febbraio 3, 2023

Eni rafforza la partnership con Sonatrach: nuovi accordi su upstream, formazione e decarbonizzazione

Must read

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Si rafforza la storica collaborazione tra l’Eni e Sonatrach grazie ad una nuova serie di accordi – relativi a esplorazione e produzione, ricerca e sviluppo, decarbonizzazione e formazione – firmati nella sede di San Donato Milanese dall’Amministratore delegato del gruppo italiano Claudio Descalzi e dal Presidente e Direttore Generale della società di Stato algerina Toufik Hakkar.

Il primo degli accordi sottoscritti – spiega il ‘cane a sei zampe in una nota – mira a realizzare un programma per il rilancio delle attività di esplorazione e sviluppo nella regione del bacino del Berkine e prevede la creazione di un hub di sviluppo del gas e del greggio attraverso una sinergia con le installazioni esistenti di MLE-CAFC. Questo accordo rientra nel processo per la finalizzazione di un nuovo contratto idrocarburi nel bacino, sotto l’egida della nuova legge petrolifera algerina entrata in vigore a dicembre 2019.

Nell’ottica di rafforzare ed incrementare la cooperazione già in atto in ambito tecnologico e di proseguire nel percorso di decarbonizzazione intrapreso per supportare la transizione verso un futuro low carbon, Descalzi e Hakkar hanno poi firmato un memorandum d’intesa relativo al settore delle nuove tecnologie, con un focus sulle energie rinnovabili, i biocarburanti e l’idrogeno.

I due gruppo energetici hanno inoltre concordato le modalità di collaborazione in altri settori quali la formazione del personale, attraverso la firma di un accordo che prevede la cooperazione tra Eni Corporate University e l’Institut Algerien du Petrole per la realizzazione di programmi di formazione nei campi dell’Upstream e delle nuove tecnologie legate alla transizione energetica.

“La firma degli accordi odierni testimonia l’impegno messo in campo dalle nostre società per rafforzare una partnership storica, nel rispetto di una strategia condivisa di sviluppo accelerato dei progetti e perseguendo gli obiettivi di decarbonizzazione nell’ambito dell’impegno al raggiungimento del nostro obiettivo di neutralità carbonica” ha commentato l’AD di Eni Claudio Descalzi.

Eni è presente dal 1981 in Algeria, dove è operatore in 48 permessi minerari e, con una produzione equity di 90 mila barili di olio equivalente al giorno, è la più importante compagnia internazionale del Paese.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...