giovedì, Febbraio 22, 2024

ENI SCOPRE PETROLIO IN MESSICO E OTTIENE NUOVE CONCESSIONI ESPLORATIVE IN COSTA D’AVORIO

Must read

Accordo tra Equinor e Deepak Fertilizers per fornitura di GNL

La norvegese Equinor ha firmato un accordo della durata di 15 anni con Deepak Fertilizers, società petrolchimica indiana, per la fornitura di gas naturale...

Cronos-2 estende le partecipazioni di Eni nel Blocco 6

Con un comunicato stampa Eni ha oggi annunciato che la trivellazione effettuata nel pozzo Cronos-2, al largo di Cipro, ha portato i risultati sperati....

Uno studio di Shell ha rivelato che la domanda globale di GNL è destinata a salire

Secondo lo studio “GNL Outlook 2024” effettuato da Shell, la domanda globale di gas naturale liquefatto salirà notevolmente entro il 2040. Il fattore principale di...

La raffineria Sarroch di Saras passa al gruppo Vitol

La società olandese Vitol ha acquisito il 35% delle azioni di Saras, storica azienda italiana attiva nel campo della raffinazione di petrolio fondata dalla famiglia Moratti nel...

L’Eni ha perforato con successo il pozzo Amoca-2, nelle acque poco profonde (25 metri) delle Baia di Campeche, nell’offshore del Messico a 200 km a ovest di Ciudad del Carmen.

La corporation italiana, la prima a perforare un pozzo offshore nel paese centroamericano dopo la riforma del settore energetico del 2013, ha confermato la presenza di olio a diversi livelli nell’area 1, di cui detiene il 100%, e ha già iniziato a valutare varie opzioni per il rapido sviluppo dei campi e la messa in produzione.

“Questo successo è una ulteriore dimostrazione dell’efficacia del nostro Dual Exploration Model. Concentrandoci su asset convenzionali ad alto interesse partecipativo e operatività, riusciamo ad accelerare le attività di esplorazione, valorizzandole in anticipo in caso di scoperta e ottenendo opportunità di sviluppo competitive, così da massimizzare il valore per i nostri azionisti.” ha commentato Claudio Descalzi, Amministratore delegato dell’Eni, che è presente in Messico dal 2006 e ha creato la sua controllata al 100% Eni Mexico, nel 2015.

L’azienda italiana ha poi informato di aver ottenuto i diritti esplorativi per i due blocchi in acque profonde CI-101 e CI-205, situati nell’offshore della Costa d’Avorio. Il blocco CI-101 è ubicato fra i 200 e i 2.500 metri di profondità d’acqua, a 50 km a sud della capitale Abidjan, mentre il blocco CI-205 è tra i 2.000 e i 2.700 metri e a 80 km a sud-ovest della capitale.

Eni, che era già attiva in Costa d’Avorio negli anni ’60 e negli anni ’80, è tornata ad operare nel paese africano nel 2015 con la controllata Eni Côte d’Ivoire Limited che ha acquisito il 30% del blocco esplorativo offshore CI-100, cui ora si aggiungono i due nuovi blocchi che hanno una superficie complessiva di 2.850 chilometri quadrati.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Accordo tra Equinor e Deepak Fertilizers per fornitura di GNL

La norvegese Equinor ha firmato un accordo della durata di 15 anni con Deepak Fertilizers, società petrolchimica indiana, per la fornitura di gas naturale...

Cronos-2 estende le partecipazioni di Eni nel Blocco 6

Con un comunicato stampa Eni ha oggi annunciato che la trivellazione effettuata nel pozzo Cronos-2, al largo di Cipro, ha portato i risultati sperati....

Uno studio di Shell ha rivelato che la domanda globale di GNL è destinata a salire

Secondo lo studio “GNL Outlook 2024” effettuato da Shell, la domanda globale di gas naturale liquefatto salirà notevolmente entro il 2040. Il fattore principale di...

La raffineria Sarroch di Saras passa al gruppo Vitol

La società olandese Vitol ha acquisito il 35% delle azioni di Saras, storica azienda italiana attiva nel campo della raffinazione di petrolio fondata dalla famiglia Moratti nel...

Claudio Descalzi incontra il presidente dell’Indonesia

L'Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi, si è recato a Giacarta per incontrare il Presidente della Repubblica indonesiano Joko Widodo. Il tema dell'incontro era...