venerdì, Aprile 23, 2021

GNL: I TOP BUYER MONDIALI SI ALLEANO PER FARE PRESSIONE SUI PRODUTTORI

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

I contratti di fornitura di GNL, cosi come vengono abitualmente declinati attualmente, sono troppo rigidi e favorevoli ai produttori.

E’ partendo da questa convinzione che i principali importatori mondiali di gas naturale liquefatto hanno deciso di allearsi con l’obbiettivo di giocare un ruolo attivo sul mercato: secondo quanto riferito dall’agenzia Reuters, infatti, Korea Gas Corp (KOGAS) ha annunciato nei giorni scorsi di aver firmato un Memorandum fo Understunding (MoU) con la giapponese JERA e con China National Offshore Oil Corp (CNOOC) per scambiarsi informazioni e cooperare nell’acquisto congiunto di GNL.

Si tratta dei principali operatori del settore di ognuno dei primi 3 paesi importatori di gas naturale del mondo: in base ai dati raccolti dalla società di consulenza specializzata Wood Mackenzie Giappone, Cina e Corea del Sud contribuiscono da soli al 55% degli acquisti mondiali di GNL.

“Abbiamo creato una piattaforma per condividere, discutere e risolvere problemi comuni per il settore, compresa la questione delle destinations resctriction” ha commentato un portavoce di JERA.

In sostanza, attualmente i principali esportatori di gas naturale, ovvero Qatar, Australia e Malesia, riescono ad imporre contratti di lungo periodo, che obbligano gli acquirenti ad acquistare quote fisse di GNL ogni mese, indipendentemente dal reale fabbisogno, vietando al contempo di rivendere a terze parti l’eventuale surplus, in forza a clausole che vengono appunto definite ‘destinations resctriction’.

Una situazione che i compratori non vogliono più sostenere, motivo per cui i principali player dal lato della domanda hanno deciso di unire le forze per fare pressione sui produttori.

Una pressione che peraltro arriverà a breve anche da altri fronti: il mercato mondiale del GNL – ricostruisce infatti la Reuters – sta subendo recentemente notevoli mutamenti, con l’incremento esponenziale dell’offerta in conseguenza delle scoperte fatte in Australia e dell’avvio della produzione di shale gas negli USA. A livello globale sono entrate in funzione nuove strutture con una capacità di produzione aggiuntiva di 300 milioni di tonnellate all’anno, rispetto ad un volume complessivo di GNL scambiato pari a 268 milioni di tonnellate a livello globale ne 2016.

Una dinamica che ha già portato ad una notevole diminuzione del prezzi spot del combustibile, rispetto ai picchi del 2014, e i cui effetti interesseranno i grandi produttori come Royal Dutch Shell, Chevron, ExxonMobil e Woodside Petroleum.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...