martedì, Marzo 9, 2021

GE OIL & GAS INVESTE IN GHANA A SUPPORTO DELL’INDUSTRIA OFFSHORE

Must read

Eni pensa ad uno spin-off dei business retail e rinnovabili, con possibile quotazione in Borsa il prossimo anno

Eni sta valutando la possibilità di scorporare i business della vendita di energia sul mercato retail e della produzione di rinnovabili, e di quotare...

Snam punta sulla ‘pipeline virtuale’ per metanizzare la Sardegna: bando per la fornitura di navi gasiere

Tramontata l’ipotesi della cosiddetta ‘dorsale sarda’ – il gasdotto che avrebbe dovuto percorrere da nord a sud tutta l’isola trasportando il gas naturale –...

L’OPEC+ orientato a non aumentare (ancora) l’output petrolifero, e il prezzo del barile sale

Il prezzo del barile di petrolio è salito oggi (Brent +1,5% e WTI + 1,7%), sospinto dalla notizia che nel corso del prossimo meeting,...

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

GE Oil & Gas, divisione del colosso General Electric (GE), ha da poco inaugurato a Takoradi Port, in Ghana, una nuova struttura dedicata alle attività di supporto alla locale industria offshore, e in particolare al progetto Offshore Cape Three Points dell’Eni.

Il nuovo impianto fungerà da centro servizi per i clienti della multinazionale americana presenti in Ghana, disponendo di oltre 4.000 mq di magazzini, sia coperti che esterni, per lo stoccaggio dei materiali, e di un’area coperta di 16.000 mq dove è possibile effettuare sperimentazioni e testare contemporaneamente il funzionamento di 3 subsea trees (XTs).

Per l’operatività del nuovo stabilimento GE Oil&Gas si affiderà principalmente a personale locale, per formare il quale ha già previsto di svolgere 450.000 ora di training nei prossimi 5 anni. Al momento, sono già stati assunti 30 addetti di nazionalità ghanese, tra cui anche 2 ingegneri che sono già all’opera offshore nell’ambito dell’installazione delle componenti del progetto Offshore Cape Three Points.

GE nel 2015 ha infatti ottenuto dal consorzio a guida Eni che gestisce questo campo estrattivo, un contratto da 850 milioni di dollari relativo alla fornitura e all’installazione di varie componenti per gli impianti offshore, tra cui turbine ed elementi sottomarini prodotti da GE Oil & Gas e motori elettrici realizzati da GE Power Conversion.

Il Presidente e CEO di GE Oil & Gas, l’italiano Lorenzo Simonelli, che ha preso parte alla cerimonia di inaugurazione del nuovo stabilimento insieme a Ado Oseragbaje, Presidente e CEO di GE Oil & Gas per l’Africa Subsahariana, all’Ambasciatore USA in Ghana Robert Jackson, a numerosi clienti, fornitori e rappresentanti delle autorità locali, ha commentato: “L’apertura dell’impianto GE Takoradi dimostra il nostro impegno a sviluppare partnership con operatori locali per offrire le migliori soluzioni ai nostri clienti che operano in questo paese dalle grandi potenzialità di crescita nel comparto dell’oil&gas”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni pensa ad uno spin-off dei business retail e rinnovabili, con possibile quotazione in Borsa il prossimo anno

Eni sta valutando la possibilità di scorporare i business della vendita di energia sul mercato retail e della produzione di rinnovabili, e di quotare...

Snam punta sulla ‘pipeline virtuale’ per metanizzare la Sardegna: bando per la fornitura di navi gasiere

Tramontata l’ipotesi della cosiddetta ‘dorsale sarda’ – il gasdotto che avrebbe dovuto percorrere da nord a sud tutta l’isola trasportando il gas naturale –...

L’OPEC+ orientato a non aumentare (ancora) l’output petrolifero, e il prezzo del barile sale

Il prezzo del barile di petrolio è salito oggi (Brent +1,5% e WTI + 1,7%), sospinto dalla notizia che nel corso del prossimo meeting,...

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...