lunedì, Luglio 22, 2024

ENI UK stoccherà la CO2 al largo del Regno Unito

Must read

L’importanza della sicurezza informatica e della comunicazione ad essa dedicata

È vero, in questo caso non si è trattato di un attacco di sicurezza informatica. Ma il “piccolo” incidente di percorso capitato a Crowdstrike, una delle più...

Chevron accelera lo sviluppo sfruttando le nuove tecnologie

"Le nuove tecnologie possono fare la differenza nel campo dello sviluppo energetico offshore", dichiara Matt Johnson, specialista nello sviluppo dei giacimenti e nell'ottimizzazione del...

Saipem si aggiudica i lavori per il gasdotto GreenStream

La società energetica Saipem si è aggiudicata un contratto per la sorveglianza e i servizi di intervento sottomarino per il gasdotto GreenStream, che collega...

TotalEnergies vende la sua quota in SPDC JV

TotalEnergies EP Nigeria, controllata africana della multinazionale francese, ha annunciato di aver raggiunto un accordo di compravendita con Chappal Energies - azienda energetica con...

L’Autorità Britannica ha concesso a ENI UK, affiliata di Eni nel Regno Unito, la licenza per stoccare l’anidride carbonica nel giacimento di Hewett, nell’offshore del Mare del Nord.

Il giacimento, che si trova al largo di Bacton, è il secondo nel Regno Unito ad essere adibito a “serbatoio” di CO2 dopo quello del Consorzio HyNet North West, presso la Baia di Liverpool ed è una delle molteplici strategie adottate da ENI per contribuire al processo di decarbonizzazione della Gran Bretagna.

Grazie ai 300 milioni di tonnellate di capacità di stoccaggio, alla vicinanza all’area industriale di Bacton e alla possibilità di utilizzare le infrastrutture connesse, Hewett è il luogo perfetto per stoccare l’anidride carbonica proveniente dalle industrie dell’area sud-orientale del Regno Unito.

Inoltre, questo progetto aiuterà a sensibilizzare la produzione e la distribuzione di idrogeno blu, contribuirà a creare nuovi posti di lavoro e favorirà lo sviluppo economico dell’area.

13 partner industriali sono già coinvolti, attraverso l’accordo di cooperazione Bacton Thames Net Zero 13, e aiuteranno a stoccare circa 6 milioni di CO2 all’anno a partire dagli ultimi anni del decennio per arrivare a 10 milioni nel 2030.

L’obiettivo finale del Regno Unito è quello di riuscire a stoccare a Hewett tra i 20 e i 30 milioni di tonnellate di CO2.

Latest article

L’importanza della sicurezza informatica e della comunicazione ad essa dedicata

È vero, in questo caso non si è trattato di un attacco di sicurezza informatica. Ma il “piccolo” incidente di percorso capitato a Crowdstrike, una delle più...

Chevron accelera lo sviluppo sfruttando le nuove tecnologie

"Le nuove tecnologie possono fare la differenza nel campo dello sviluppo energetico offshore", dichiara Matt Johnson, specialista nello sviluppo dei giacimenti e nell'ottimizzazione del...

Saipem si aggiudica i lavori per il gasdotto GreenStream

La società energetica Saipem si è aggiudicata un contratto per la sorveglianza e i servizi di intervento sottomarino per il gasdotto GreenStream, che collega...

TotalEnergies vende la sua quota in SPDC JV

TotalEnergies EP Nigeria, controllata africana della multinazionale francese, ha annunciato di aver raggiunto un accordo di compravendita con Chappal Energies - azienda energetica con...

Scoperto un giacimento di petrolio immenso in Kuwait

La compagnia petrolifera Kuwait Oil Company, dell'omonimo paese emirato, ha annunciato la scoperta di un giacimento incredibilmente vasto nell'offshore al largo dell'Isola Failaka. Stando...