giovedì, Febbraio 22, 2024

Equinor in prima linea per la riduzione di emissioni

Must read

Accordo tra Equinor e Deepak Fertilizers per fornitura di GNL

La norvegese Equinor ha firmato un accordo della durata di 15 anni con Deepak Fertilizers, società petrolchimica indiana, per la fornitura di gas naturale...

Cronos-2 estende le partecipazioni di Eni nel Blocco 6

Con un comunicato stampa Eni ha oggi annunciato che la trivellazione effettuata nel pozzo Cronos-2, al largo di Cipro, ha portato i risultati sperati....

Uno studio di Shell ha rivelato che la domanda globale di GNL è destinata a salire

Secondo lo studio “GNL Outlook 2024” effettuato da Shell, la domanda globale di gas naturale liquefatto salirà notevolmente entro il 2040. Il fattore principale di...

La raffineria Sarroch di Saras passa al gruppo Vitol

La società olandese Vitol ha acquisito il 35% delle azioni di Saras, storica azienda italiana attiva nel campo della raffinazione di petrolio fondata dalla famiglia Moratti nel...

La più importante compagnia petrolifera norvegese, Equinor, si è sempre impegnata nel tentativo di ridurre quanto più possibile le emissioni di anidride carbonica.

L’ultima innovazione in questo campo è l’annuncio della sostituzione di due turbine nel giacimento di Statfjord C, che sfrutteranno il calore in eccesso emesso da due compressori di gas per produrre energia elettrica. In questo modo sarà possibile risparmiare circa 95mila tonnellate di CO2.

Camilla Salthe, vicepresidente senior di Equinor per Field Life eXtension, ha commentato con entusiasmo questa innovazione:

Questa è la prima volta che questa soluzione viene utilizzata su un campo gestito presso la piattaforma continentale norvegese (NCS). Sono orgoglioso dei dipendenti e dei fornitori che hanno lavorato in modo innovativo per ottimizzare l’energia utilizzata nella piattaforma. Si tratta di un contributo importante per estendere la vita del campo fino al 2040.

Le turbine verranno messe in funzione nel 2026 e prevederanno anche l’elettrificazione degli iniettori dell’acqua , in modo da ridurre al minimo le emissioni.

Questo non è il primo esperimento nel campo: un’unità di recupero del calore, infatti, era già stata installata a Statjord B nel 2021.

Ketil Rongved, vicepresidente di Equinor per i progetti FLX, ha commentato così: “Il recupero di calore per la produzione di energia elettrica è stato utilizzato in nuovi giacimenti, sia nella NCS che a livello internazionale. Ora, per la prima volta, la soluzione viene introdotta in un settore maturo della produzione. Ciò è possibile grazie allo sviluppo di soluzioni leggere.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Accordo tra Equinor e Deepak Fertilizers per fornitura di GNL

La norvegese Equinor ha firmato un accordo della durata di 15 anni con Deepak Fertilizers, società petrolchimica indiana, per la fornitura di gas naturale...

Cronos-2 estende le partecipazioni di Eni nel Blocco 6

Con un comunicato stampa Eni ha oggi annunciato che la trivellazione effettuata nel pozzo Cronos-2, al largo di Cipro, ha portato i risultati sperati....

Uno studio di Shell ha rivelato che la domanda globale di GNL è destinata a salire

Secondo lo studio “GNL Outlook 2024” effettuato da Shell, la domanda globale di gas naturale liquefatto salirà notevolmente entro il 2040. Il fattore principale di...

La raffineria Sarroch di Saras passa al gruppo Vitol

La società olandese Vitol ha acquisito il 35% delle azioni di Saras, storica azienda italiana attiva nel campo della raffinazione di petrolio fondata dalla famiglia Moratti nel...

Claudio Descalzi incontra il presidente dell’Indonesia

L'Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi, si è recato a Giacarta per incontrare il Presidente della Repubblica indonesiano Joko Widodo. Il tema dell'incontro era...