sabato, Maggio 15, 2021

Equinor razionalizza il suo portafoglio oil&gas cedendo la partecipazione nel giacimento americano Bakken

Must read

Petrobras firma il contratto per la costruzione della settima unità di Búzios

Petrobras ha firmato un contratto con la società Keppel Shipyard Limited per la costruzione della piattaforma P-78, la settima unità che si installerá nel...

Oxy perde 346 milioni di dollari nel primo trimestre

Occidental Petroleum, una delle compagnie Upstream più importanti degli Stati Uniti, ha dichiarato una perdita di 346 milioni di dollari nel primo trimestre 2021. I...

IEA: le scorte di petrolio tornano a livelli più normali

Dopo quasi un anno di forte limitazione dell'offerta da parte dei paesi dell'OPEC e dei suoi alleati, le scorte petrolifere mondiali che si sono...

Shell fa una grande scoperta di petrolio nel Golfo del Messico

Con la perforazione del pozzo Leopard, Shell ha trovato un giacimento di petrolio con uno spessore di oltre 183 metri, in questo momento gli...

La major norvegese Equinor ha definito un accordo per vendere le sue quote nel giacimento onshore Bakken, che si trova negli stati americani del Nord Dakota e del Montana, a Grayson Mill Energy, controllata da EnCap Investments, per un corrispettivo pari a 900 milioni di dollari.

La cessione – spiega Equinor in una nota – riguarda tutti gli asset operati e non operati dalla società, per un totale di 242.000 acri, e comprende anche le relative infrastrutture midstream. La produzione in quota Equinor derivante dal giacimento Bakken nel quarto trimestre del 2020 è ammontata complessivamente a 48.000 barili di olio equivalente.

Nell’ambito della stessa transazione, Equinor ha definito un accordo di acquisto di petrolio con la stessa Grayson Mill Energy.

“Equinor sta ottimizzando il suo portafoglio di asset oil&gas per migliorarne la profittabilità e renderli più solidi nel futuro. Cedendo la partecipazione nel giacimento Bakken abbiamo raccolto risorse che potranno essere impiegate in attività più competitive, consentendoci di creare maggiore valore per gli azionisti” ha commentato Anders Opedal, Presidente e CEO di Equinor. “Nel corso degli ultimi anni abbiamo migliorato la sicurezza e l’efficienza degli asset del giacimento Bakken, riducendo parallelamente le emissioni di CO2. Siamo fiduciosi che Grayson Mill Energy proseguirà lungo questa strada”.

Al Cook, executive vice president of Development & Production International di Equinor, ha aggiunto che “l’azienda sta operando per migliorare la profittabilità del suo business oil&gas internazionale e la cessione della partecipazione nel giacimento Bakken è un passo importante di questo processo. Abbiamo lavorato a stretto contatto con Grayson Mill Energy per garantire il mantenimento dei livelli occupazionali e il trasferimento della nostra expertise nella gestione dell’asset”.

Nell’ambito dell’accordo, ai dipendenti di Equinor attivi nel giacimento americano sarà data la possibilità di passare a lavorare per Grayson Mill Energy.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Petrobras firma il contratto per la costruzione della settima unità di Búzios

Petrobras ha firmato un contratto con la società Keppel Shipyard Limited per la costruzione della piattaforma P-78, la settima unità che si installerá nel...

Oxy perde 346 milioni di dollari nel primo trimestre

Occidental Petroleum, una delle compagnie Upstream più importanti degli Stati Uniti, ha dichiarato una perdita di 346 milioni di dollari nel primo trimestre 2021. I...

IEA: le scorte di petrolio tornano a livelli più normali

Dopo quasi un anno di forte limitazione dell'offerta da parte dei paesi dell'OPEC e dei suoi alleati, le scorte petrolifere mondiali che si sono...

Shell fa una grande scoperta di petrolio nel Golfo del Messico

Con la perforazione del pozzo Leopard, Shell ha trovato un giacimento di petrolio con uno spessore di oltre 183 metri, in questo momento gli...

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...