martedì, Maggio 17, 2022

Equinor razionalizza il suo portafoglio oil&gas cedendo la partecipazione nel giacimento americano Bakken

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

La major norvegese Equinor ha definito un accordo per vendere le sue quote nel giacimento onshore Bakken, che si trova negli stati americani del Nord Dakota e del Montana, a Grayson Mill Energy, controllata da EnCap Investments, per un corrispettivo pari a 900 milioni di dollari.

La cessione – spiega Equinor in una nota – riguarda tutti gli asset operati e non operati dalla società, per un totale di 242.000 acri, e comprende anche le relative infrastrutture midstream. La produzione in quota Equinor derivante dal giacimento Bakken nel quarto trimestre del 2020 è ammontata complessivamente a 48.000 barili di olio equivalente.

Nell’ambito della stessa transazione, Equinor ha definito un accordo di acquisto di petrolio con la stessa Grayson Mill Energy.

“Equinor sta ottimizzando il suo portafoglio di asset oil&gas per migliorarne la profittabilità e renderli più solidi nel futuro. Cedendo la partecipazione nel giacimento Bakken abbiamo raccolto risorse che potranno essere impiegate in attività più competitive, consentendoci di creare maggiore valore per gli azionisti” ha commentato Anders Opedal, Presidente e CEO di Equinor. “Nel corso degli ultimi anni abbiamo migliorato la sicurezza e l’efficienza degli asset del giacimento Bakken, riducendo parallelamente le emissioni di CO2. Siamo fiduciosi che Grayson Mill Energy proseguirà lungo questa strada”.

Al Cook, executive vice president of Development & Production International di Equinor, ha aggiunto che “l’azienda sta operando per migliorare la profittabilità del suo business oil&gas internazionale e la cessione della partecipazione nel giacimento Bakken è un passo importante di questo processo. Abbiamo lavorato a stretto contatto con Grayson Mill Energy per garantire il mantenimento dei livelli occupazionali e il trasferimento della nostra expertise nella gestione dell’asset”.

Nell’ambito dell’accordo, ai dipendenti di Equinor attivi nel giacimento americano sarà data la possibilità di passare a lavorare per Grayson Mill Energy.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...