giovedì, Maggio 13, 2021

Qatar: al via il maxi progetto (da quasi 30 miliardi di dollari) per espandere del 40% la capacità di produzione di GNL

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Qatar Petroleum, già oggi il primo fornitore al mondo di gas naturale liquefatto, ha firmato con una joint-venture costituita da Technip e Chiyoda i primi contratti per dare esecuzione al progetto North Field LNG, tramite il quale il Qatar incrementerà del 40% la sua capacità di produzione di GNL entro il 2026.

Al termine di questo straordinario upgrade, che secondo la società di analisi Wood Mackenzie sarà il più grande progetto singolo mai realizzato al mondo nel settore del GNL, il Paese mediorientale sarà in grado di portare il suo output complessivo dagli attuali 77 milioni di mtpa (million tonnes/year) fino a 110 milioni di mtpa, consolidando così la sua leadership mondiale (un’ulteriore ‘fase due’ del progetto potrebbe portare la capacità totale del Paese fino a 126 mtpa).

Il costo totale di questo intervento – ha dichiarato il CEO di QP Saad al-Kaabi – sarà di 28,7 miliardi di dollari e la piena capacità dei nuovi impianti sarà raggiunta tra la fine del 2026 e il primo trimestre del 2027.

Al momento Kaabi, che è anche il Ministro dell’Energia del Qatar, ha spiegato che l’azienda di Stato sta sviluppando il North Field in autonomia, ma ha anche rivelato che la prossima settimana verrà avviata una procedura di gara rivolta ai principali gruppi energetici internazionali per cedere il 30% del progetto. La conseguente definizione di una partnership vera e propria con i soggetti scelti dovrebbe quindi concretizzarsi entro la fine dell’anno.

Tra i player che potrebbero rispondere all’appello – secondo l’agenzia Reuters – ci sono ExxonMobil, Shell, Total e ConocoPhillips, che hanno da tempo collaborazioni attive con QP in diversi impianti di produzione di GNL in Qatar.

Come diretta conseguenza di questo enorme incremento di capacità produttiva, aumenteranno – ovviamente – anche i volumi di export di GNL del Qatar. Sempre secondo Wood Mackenzie, QP disporrà di circa 75 milioni di mtpa di gas liquefatto non contrattualizzati, da vendere sul mercato entro il 2027 a prezzi decisamente competitivi. Una condizione che consentirà al Paese di guadagnare ulteriori quote di mercato mettendo pressione ai competitor i cui progetti di espansione devono ancora essere oggetto di FID (Final Investment Decision) al momento.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...