mercoledì, Marzo 3, 2021

GAZPROM: PRIMA SPEDIZIONE DI GREGGIO IN CINA ATTRAVERSO LA NORTHERN SEA ROUTE

Must read

L’OPEC+ orientato a non aumentare (ancora) l’output petrolifero, e il prezzo del barile sale

Il prezzo del barile di petrolio è salito oggi (Brent +1,5% e WTI + 1,7%), sospinto dalla notizia che nel corso del prossimo meeting,...

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Dopo aver già effettuato diverse spedizioni in Europa sfruttando questo percorso, ieri Gazprom ha consegnato il suo primo carico di petrolio in Cina attraverso la Northern Sea Route (NSR).

La Russia punta molto su questa rotta, che passa a nord dell’Europa continentale e che per essere percorsa – cosa possibile solo nei mesi estivi – richiede l’impiego di navi cisterna ice-class e di rimorchiatori rompighiaccio, per trasportare le proprie commodity energetiche, ovvero primariamente petrolio e GNL, sia nel Vecchio Continente che in Asia.

Gazprom Neft, la divisione dedicata al petrolio di Gazprom, il colosso pubblico del gas, ha annunciato ieri di aver consegnato nel porto cinese di Yantai, sul Mare di Bohai, un carico di 144.000 tonnellate di petrolio della tipologia Novy Port partito 47 giorni prima dallo scalo russo di Murmansk.

Il greggio Novy Port, estratto da Gazprom Neft (il terzo produttore russo di petrolio per output complessivo) sulla penisola di Yamal, in Siberia, era già stato consegnato in Europa attraverso la Northern Sea Route (NSR), ma questa rotta, fino ad ora, non era stata ancora percorsa in direzione orientale, verso le coste asiatiche del Pacifico.

In totale, dal 2013, Gazprom Neft ha spedito in Europa 40 milioni di tonnellate di greggio prodotto nell’artico, estratto a Yamal o in un altro giacimento, chiamato Prirazlomnoye e ubicato nel Pechora Sea.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

L’OPEC+ orientato a non aumentare (ancora) l’output petrolifero, e il prezzo del barile sale

Il prezzo del barile di petrolio è salito oggi (Brent +1,5% e WTI + 1,7%), sospinto dalla notizia che nel corso del prossimo meeting,...

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...