SVOLTA STORICA PER ASSOMINERARIA, CHE DIVENTA ASSORISORSE

In epoca di ‘green deal’ e di decarbonizzazione, anche Assomineraria, l’associazione italiana (aderente a Confindustria) delle aziende attive nell’industria mineraria e degli idrocarburi, non poteva non adeguarsi al trend e ripensare il proprio ruolo nell’ambito di un futuro energetico sempre più sostenibile.

Per questo l’Assemblea Generale, riunitasi oggi in via telematica, ha deciso di adottare il nuovo nome di Assorisorse – Risorse Naturali ed Energie sostenibili

Spiegando la svolta in una nota ufficiale, l’organizzazione ribadisce che “la continua evoluzione è un aspetto fondamentale per la filiera dell’energia e delle materie prime e per la relativa attività industriale, vista anche la consapevolezza dei mutamenti climatici e l’avvio di una transizione verso una “net zero carbon economy” – in Italia, in Europa e nel mondo. In quest’ottica è cruciale l’impegno delle imprese di Assorisorse per il raggiungimento degli obiettivi della transizione energetica, a cui possono contribuire facendo ricorso all’eccellenza delle proprie competenze”.

“All’interno dei nuovi scenari – ha quindi dichiarato Luigi Ciarrocchi, Presidente di Assorisorse – la nostra associazione sarà ancora più focalizzata a promuovere la cultura della transizione, i temi legati all’innovazione tecnologica, all’economia circolare e a valorizzare il patrimonio nazionale delle risorse sia materiali sia intellettuali. Per fare questo — ha aggiunto Ciarrocchi — è necessario puntare su un mix energetico che metta al centro il tema della decarbonizzazione attraverso uno sforzo tecnologico combinato, policy adeguate e interazioni costruttive con gli stakeholder. Il ruolo delle imprese che compongono questa filiera strategica sarà dunque quello di dimostrare coraggio, capacità di innovare e predisposizione ad investire nel talento.”

Le imprese associate, impegnate nella valorizzazione delle risorse naturali, infatti – si legge ancora nella nota – devono affrontare nuove sfide a livello globale, la cui rotta è tracciata dal mondo scientifico e dalle Istituzioni internazionali. L’industria italiana ha una lunga tradizione di leadership nel mondo, frutto di una consolidata esperienza e di un riconosciuto know-how, che senza dubbio consentiranno di governare il cambiamento. In un’ottica di sostenibilità, queste imprese intendono accompagnare e guidare la transizione. A cambiare è, quindi, il paradigma, con una conseguente diversificazione dei modelli di sviluppo e delle strategie di innovazione tecnologica. Oltre l’efficienza, le rinnovabili, il recycling e l’economia circolare, è necessario considerare nuovi processi come CCUS (Carbon capture, utilisation and storage), blue hydrogen e forestry.

Nel corso dell’Assemblea sono state rinnovate le cariche dell’associazione con la nomina dei Vicepresidenti Marco Brun (Shell) per il Settore Idrocarburi e Geotermia, Leonardo Brunori (RINA) per il Settore Beni e Servizi e Raffaele Calabrese De Feo (Solvay) per il Settore Minerario.

I Consigli di Settore sono invece composti da: Corrado Baccani, Giorgio Bozzola, Michele Caria, Francesco Lippi, Kosman Rivolti e Patrizia Zuppini per il Settore Minerario; Gaetano Annunziata, Stefano Boco, Massimiliano Erario, Roberto Gambini, Giuseppe Palmeri, Roberto Pasolini, Leonardo Salvadori, Davide Usberti e Francesca Zarri per il Settore Idrocarburi e Geotermia; Pasquale Criscuolo, Paolo Ghirelli, Paola Gigli, Leonardo Gravina, Oscar Guerra, Marco Oriolo, Sergio Polito, Michele Stangarone, Michelangelo Tortorella, Luciano Vasques e Katrien Verlinden per il Settore Beni e Servizi.

L’Assemblea ha poi approvato la composizione del Consiglio Generale presieduto da Luigi Ciarrocchi, di cui fanno parte: Corrado Baccani, Marco Brun, Leonardo Brunori, Raffaele Calabrese De Feo, Paolo Ghirelli, Oscar Guerra, Roberto Pasolini, Francesco Somma, Michele Stangarone, Davide Usberti, Katrien Verlinden e Patrizia Zuppini.

L’Assemblea ha inoltre eletto nella carica di Probiviri: Delio Belmonte, Federico Ferrini, Valeria Napoletti, Tiziana Paolicelli, Carlo Tribuno, mentre il Collegio dei Revisori è composto da: Ernesto Barbieri, Lara Kustermann, Enrico Napoletano.

L’Assemblea ha infine approvato il Bilancio 2019 che sarà pubblicato sul sito dell’Associazione, anch’esso rinnovato e ora raggiungibile all’indirizzo www.assorisorisorse.org.

Related posts