lunedì, Maggio 27, 2024

IEA: ritarda la ripresa del shale-oil americano

Must read

Saipem ottiene un nuovo contratto in Angola

In base ad un accordo firmato con Azule Energy Angola, Saipem ha ottenuto un contratto per lo sviluppo del progetto Ndungu Field, che fa...

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

Secondo l’analisi dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA), l’aumento dei prezzi del petrolio deve ancora innescare un rimbalzo del shale oil statunitense.

L’industria statunitense del shale-oil è diventata una risorsa nell’ambito dell’industria petrolifera mondiale, per la sua capacità di rispondere rapidamente ai segnali di variazione dei prezzi, grazie alla natura del ciclo breve per produrlo. Questo fattore è stato riscontrato di nuovo all’inizio della pandemia COVID-19 nel secondo trimestre del 2020, quando il crollo del mercato ha portato gli operatori a tagliare 1,3 milioni di barili al giorno e una media del budget annuale di oltre il 50%.

Tuttavia, quest’anno, nonostante i prezzi del WTI siano saliti a livelli pre-pandemia superiori a 60 dollari al barile, l’AIE prevede che lo shale oil statunitense aumenterà solo modestamente e raggiungerà una produzione nel 2021 di 7,3 milioni di barili al giorno. Si tratta di quasi 1 milione di barili al giorno al di sotto dei livelli di inizio 2020.

Dal crollo dei prezzi del 2014-15, sempre più operatori statunitensi di shale-oil si sono concentrati sull’austerità della gestione del capitale e dei dividendi degli azionisti, prima ancora delle ambizioni di crescita della produzioneha affermato IEA.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Saipem ottiene un nuovo contratto in Angola

In base ad un accordo firmato con Azule Energy Angola, Saipem ha ottenuto un contratto per lo sviluppo del progetto Ndungu Field, che fa...

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

BP concede una boccata d’aria ai bilanci azeri

BP, colosso petrolifero britannico, ha annunciato di aver avviato la produzione di petrolio e gas nella nuova piattaforma petrolifera costruita nel giacimento Azeri-Chirag-Deepwater Gunashli...