giovedì, Gennaio 20, 2022

IEA: ritarda la ripresa del shale-oil americano

Must read

Nel 2021 le esportazioni di PDVSA sono aumentate del 66%

Secondo i dati di PDVSA Il livello medio delle esportazioni di petrolio dal Venezuela ha raggiunto il livello di 628.900 barili al giorno nel...

Argentina. Vaca Muerta potrebbe esportare 13.000 milioni di euro l’anno

Il presidente dell'Istituto Argentino del Petrolio e del Gas (IAPG), ha pubblicato un’analisi dello scenario del settore degli idrocarburi di fronte alla transizione energetica...

Ecuador aumenta le sue vendite annuali di petrolio del 51%

Secondo le cifre annunciate dal Ministero di Energia, il paese ha aumentato le vendite di petrolio del 51%, passando da 4.150 milioni di euro...

Perù. La raffineria di Talara entrerà in servizio ad aprile

La compagnia Petroperú ha annunciato che la nuova raffineria di Talara entrerà in funzione gradualmente a partire dal mese di aprile. Il complesso contribuirà...

Secondo l’analisi dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA), l’aumento dei prezzi del petrolio deve ancora innescare un rimbalzo del shale oil statunitense.

L’industria statunitense del shale-oil è diventata una risorsa nell’ambito dell’industria petrolifera mondiale, per la sua capacità di rispondere rapidamente ai segnali di variazione dei prezzi, grazie alla natura del ciclo breve per produrlo. Questo fattore è stato riscontrato di nuovo all’inizio della pandemia COVID-19 nel secondo trimestre del 2020, quando il crollo del mercato ha portato gli operatori a tagliare 1,3 milioni di barili al giorno e una media del budget annuale di oltre il 50%.

Tuttavia, quest’anno, nonostante i prezzi del WTI siano saliti a livelli pre-pandemia superiori a 60 dollari al barile, l’AIE prevede che lo shale oil statunitense aumenterà solo modestamente e raggiungerà una produzione nel 2021 di 7,3 milioni di barili al giorno. Si tratta di quasi 1 milione di barili al giorno al di sotto dei livelli di inizio 2020.

Dal crollo dei prezzi del 2014-15, sempre più operatori statunitensi di shale-oil si sono concentrati sull’austerità della gestione del capitale e dei dividendi degli azionisti, prima ancora delle ambizioni di crescita della produzioneha affermato IEA.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Nel 2021 le esportazioni di PDVSA sono aumentate del 66%

Secondo i dati di PDVSA Il livello medio delle esportazioni di petrolio dal Venezuela ha raggiunto il livello di 628.900 barili al giorno nel...

Argentina. Vaca Muerta potrebbe esportare 13.000 milioni di euro l’anno

Il presidente dell'Istituto Argentino del Petrolio e del Gas (IAPG), ha pubblicato un’analisi dello scenario del settore degli idrocarburi di fronte alla transizione energetica...

Ecuador aumenta le sue vendite annuali di petrolio del 51%

Secondo le cifre annunciate dal Ministero di Energia, il paese ha aumentato le vendite di petrolio del 51%, passando da 4.150 milioni di euro...

Perù. La raffineria di Talara entrerà in servizio ad aprile

La compagnia Petroperú ha annunciato che la nuova raffineria di Talara entrerà in funzione gradualmente a partire dal mese di aprile. Il complesso contribuirà...

Messico. Pemex riceverà le chiavi di Deer Park il 20 gennaio

Petróleos Mexicanos (Pemex) assumerà il controllo della raffineria di Deer Park, situata in Texas il 20 gennaio, questo è quanto emerge dalla chiusura dell'accordo...