lunedì, Luglio 4, 2022

IEA: ritarda la ripresa del shale-oil americano

Must read

Oltre 5.000 visitatori per Pipeline & Gas Expo e Hydrogen Expo

Chiudono i battenti tra la soddisfazione generale la seconda edizione del PIPELINE & GAS EXPO (PGE), la mostra-convegno interamente dedicata ai settori del “Mid-Stream”...

Sonatrach e Sinopec collaborano per la perforazione di nuovi pozzi petroliferi

La compagnia degli idrocarburi di stato algerina, Sonatrach, ha firmato un contratto per lo sviluppo di un giacimento petrolifero nell'estremo sud-est del Paese con...

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

Secondo l’analisi dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA), l’aumento dei prezzi del petrolio deve ancora innescare un rimbalzo del shale oil statunitense.

L’industria statunitense del shale-oil è diventata una risorsa nell’ambito dell’industria petrolifera mondiale, per la sua capacità di rispondere rapidamente ai segnali di variazione dei prezzi, grazie alla natura del ciclo breve per produrlo. Questo fattore è stato riscontrato di nuovo all’inizio della pandemia COVID-19 nel secondo trimestre del 2020, quando il crollo del mercato ha portato gli operatori a tagliare 1,3 milioni di barili al giorno e una media del budget annuale di oltre il 50%.

Tuttavia, quest’anno, nonostante i prezzi del WTI siano saliti a livelli pre-pandemia superiori a 60 dollari al barile, l’AIE prevede che lo shale oil statunitense aumenterà solo modestamente e raggiungerà una produzione nel 2021 di 7,3 milioni di barili al giorno. Si tratta di quasi 1 milione di barili al giorno al di sotto dei livelli di inizio 2020.

Dal crollo dei prezzi del 2014-15, sempre più operatori statunitensi di shale-oil si sono concentrati sull’austerità della gestione del capitale e dei dividendi degli azionisti, prima ancora delle ambizioni di crescita della produzioneha affermato IEA.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Oltre 5.000 visitatori per Pipeline & Gas Expo e Hydrogen Expo

Chiudono i battenti tra la soddisfazione generale la seconda edizione del PIPELINE & GAS EXPO (PGE), la mostra-convegno interamente dedicata ai settori del “Mid-Stream”...

Sonatrach e Sinopec collaborano per la perforazione di nuovi pozzi petroliferi

La compagnia degli idrocarburi di stato algerina, Sonatrach, ha firmato un contratto per lo sviluppo di un giacimento petrolifero nell'estremo sud-est del Paese con...

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...