sabato, Maggio 15, 2021

Il gruppo italiano Saras acquista il primo carico di petrolio al mondo certificato come ‘carbon neutral’

Must read

Petrobras firma il contratto per la costruzione della settima unità di Búzios

Petrobras ha firmato un contratto con la società Keppel Shipyard Limited per la costruzione della piattaforma P-78, la settima unità che si installerá nel...

Oxy perde 346 milioni di dollari nel primo trimestre

Occidental Petroleum, una delle compagnie Upstream più importanti degli Stati Uniti, ha dichiarato una perdita di 346 milioni di dollari nel primo trimestre 2021. I...

IEA: le scorte di petrolio tornano a livelli più normali

Dopo quasi un anno di forte limitazione dell'offerta da parte dei paesi dell'OPEC e dei suoi alleati, le scorte petrolifere mondiali che si sono...

Shell fa una grande scoperta di petrolio nel Golfo del Messico

Con la perforazione del pozzo Leopard, Shell ha trovato un giacimento di petrolio con uno spessore di oltre 183 metri, in questo momento gli...

Il gruppo svedese Lundin Energy, attivo principalmente in Norvegia, ha completato quella che – a suo dire – è stata la prima vendita al mondo di petrolio con certificazione ‘carbon neutral’, con l’azienda italiana Saras come controparte di questa transazione da primato.

Il gruppo della famiglia Moratti ha infatti acquistato da Lundin 600.000 barili di greggio estratto dal giacimento Edvard Grieg, la cui neutralità carbonica è stata formalmente certificata dalla società specializzata Intertek, che ha tenuto conto delle emissioni dell’intero ciclo del prodotto, dall’estrazione fino alla consegna.

Lundin ha definito questa operazione una “pietra miliare” nel suo percorso che punta a raggiungere l’obbiettivo ‘net zero’ per la sua produzione entro il 2025.

La stessa azienda scandinava ha poi spiegato che la produzione di petrolio del giacimento Edvard Grieg è certificata come low-carbon avendo emissioni di soli 3,8 Km di CO2 per barile prodotto, quantitativo che viene compensato con soluzioni certificate per arrivare a ‘net zero’.

“Per fornire il carico carbon-nautral a Saras, le emissioni residuali di CO2 pari a 2.302 tonnellate di sono state compensate attraverso un progetto di cattura dell’anidride carbonica con procedimento basato su soluzioni naturali, certificato in base a Verified Carbon Standard” ha spiegato Lundin in una nota. “Inoltre, l’intera transazione è stata certificata come ‘carbon neutral’ dalla società indipendente Intertek. Come risultato, non ci sono state emissioni nette di CO2 per la produzione di ognuno dei barili consegnati a Saras”.

Una vendita simile – ricorda la Reuters – era già stata effettuata lo scorso gennaio dal produttore americano Occidental Petroleum, ma secondo Lundin il deal con Saras costituisce un ulteriore passo in avanti, poiché sarebbe stato il primo al mondo ad aver ottenuto una certificazione indipendente di neutralità climatica per l’intero processo.

“Siamo stati la prima compagnia ad avere un giacimento di petrolio certificato come ‘low carbon’ da un ente indipendente, e questa transazione con Saras è un ulteriore passaggio che – ha assicurato il CEO di Lundin Nick Walker – riteniamo potrà costituire un importante elemento di valore aggiunto e differenziazione competitiva per il nostro gruppo”.

Il giacimento Edvard Grieg, che si trova nell’offshore della Norvegia, lo scorso anno ha prodotto 98.000 barili di greggio al giorno, trasportati attraverso la pipeline Grane fino al terminal di Sture, per essere poi esportati.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Petrobras firma il contratto per la costruzione della settima unità di Búzios

Petrobras ha firmato un contratto con la società Keppel Shipyard Limited per la costruzione della piattaforma P-78, la settima unità che si installerá nel...

Oxy perde 346 milioni di dollari nel primo trimestre

Occidental Petroleum, una delle compagnie Upstream più importanti degli Stati Uniti, ha dichiarato una perdita di 346 milioni di dollari nel primo trimestre 2021. I...

IEA: le scorte di petrolio tornano a livelli più normali

Dopo quasi un anno di forte limitazione dell'offerta da parte dei paesi dell'OPEC e dei suoi alleati, le scorte petrolifere mondiali che si sono...

Shell fa una grande scoperta di petrolio nel Golfo del Messico

Con la perforazione del pozzo Leopard, Shell ha trovato un giacimento di petrolio con uno spessore di oltre 183 metri, in questo momento gli...

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...