venerdì, Maggio 20, 2022

Il gruppo italiano Saras acquista il primo carico di petrolio al mondo certificato come ‘carbon neutral’

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Il gruppo svedese Lundin Energy, attivo principalmente in Norvegia, ha completato quella che – a suo dire – è stata la prima vendita al mondo di petrolio con certificazione ‘carbon neutral’, con l’azienda italiana Saras come controparte di questa transazione da primato.

Il gruppo della famiglia Moratti ha infatti acquistato da Lundin 600.000 barili di greggio estratto dal giacimento Edvard Grieg, la cui neutralità carbonica è stata formalmente certificata dalla società specializzata Intertek, che ha tenuto conto delle emissioni dell’intero ciclo del prodotto, dall’estrazione fino alla consegna.

Lundin ha definito questa operazione una “pietra miliare” nel suo percorso che punta a raggiungere l’obbiettivo ‘net zero’ per la sua produzione entro il 2025.

La stessa azienda scandinava ha poi spiegato che la produzione di petrolio del giacimento Edvard Grieg è certificata come low-carbon avendo emissioni di soli 3,8 Km di CO2 per barile prodotto, quantitativo che viene compensato con soluzioni certificate per arrivare a ‘net zero’.

“Per fornire il carico carbon-nautral a Saras, le emissioni residuali di CO2 pari a 2.302 tonnellate di sono state compensate attraverso un progetto di cattura dell’anidride carbonica con procedimento basato su soluzioni naturali, certificato in base a Verified Carbon Standard” ha spiegato Lundin in una nota. “Inoltre, l’intera transazione è stata certificata come ‘carbon neutral’ dalla società indipendente Intertek. Come risultato, non ci sono state emissioni nette di CO2 per la produzione di ognuno dei barili consegnati a Saras”.

Una vendita simile – ricorda la Reuters – era già stata effettuata lo scorso gennaio dal produttore americano Occidental Petroleum, ma secondo Lundin il deal con Saras costituisce un ulteriore passo in avanti, poiché sarebbe stato il primo al mondo ad aver ottenuto una certificazione indipendente di neutralità climatica per l’intero processo.

“Siamo stati la prima compagnia ad avere un giacimento di petrolio certificato come ‘low carbon’ da un ente indipendente, e questa transazione con Saras è un ulteriore passaggio che – ha assicurato il CEO di Lundin Nick Walker – riteniamo potrà costituire un importante elemento di valore aggiunto e differenziazione competitiva per il nostro gruppo”.

Il giacimento Edvard Grieg, che si trova nell’offshore della Norvegia, lo scorso anno ha prodotto 98.000 barili di greggio al giorno, trasportati attraverso la pipeline Grane fino al terminal di Sture, per essere poi esportati.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...