giovedì, Maggio 13, 2021

IL PORTO DI SINGAPORE PRONTO A PARTIRE CON IL BUNKERAGGIO DI GNL DAL 2020

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Singapore, uno dei principali scali merci del mondo, sarà in grado di garantire il rifornimento di navi alimentate a gas naturale liquefatto entro il 2020.

Data che non è stata scelta a caso, ma che coincide con l’entrata in vigore delle nuove regole stabilite dall’International Maritime Organizzation (IMO), e che impongono il nuovo limite dello 0,5% di zolfo nelle emissioni navali proprio a partire dal 2020. Una soglia che sarà possibile rispettare utilizzando il GNL come carburante, e che quindi secondo molti osservatori contribuirà a far crescere rapidamente il mercato di questo combustibile alternativo al ben più inquinante bunker tradizionale.

L’obbiettivo è stato dichiarato pubblicamente dal Ministro del Commercio e del Turismo del piccolo stato asiatico, Koh Poh Koon, in occasione di un rifornimento sperimentale di GNL in porto, il primo mai verificatosi nella regione del sud-est asiatico. L’operazione è stata effettuata, con la tecnologia truck-to-ship, da Pavilon Gas, parte del gruppo Pavilon Energy e una delle due sole società, insieme a FueLNG, ad aver ottenuto l’autorizzazione per fornire GNL come bunker nel porto di Singapore.

Koon ha poi spiegato che attualmente la Maritime Port Authority of Singapore (MPA) ha già previsto investimenti per dotare lo scalo delle infrastrutture necessarie a svolgere la nuova atitività, riguardo alla quale la stessa authority ha già diramato le sue linee guida che saranno la base delle futura fase di test e sperimentazioni.

Attualmente Singapore si rifornisce di gas naturale tramite il terminal della società Singapore LNG Corporation, sull’isola di Jurong, unica struttura del paese in grado di svolgere tale attività, che presto verrà ampliata con nuovi tank che porteranno la capacità di stoccaggio complessiva a 800.000 metri cubi.

.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...