mercoledì, Febbraio 28, 2024

IN CALO LE PERFORMANCE ECONOMICHE DELLA COLOMBIANA ECOPETROL A CAUSA DI COVID E GREGGIO DEBOLE

Must read

Festa di Eni per il primo carico di GNL dal Congo

È in produzione, in Congo, il primo carico di Gas Naturale Liquefatto appartenente al progetto Congo LNG di Eni. A festeggiare il primo carico sono...

Accordo tra Equinor e Deepak Fertilizers per fornitura di GNL

La norvegese Equinor ha firmato un accordo della durata di 15 anni con Deepak Fertilizers, società petrolchimica indiana, per la fornitura di gas naturale...

Cronos-2 estende le partecipazioni di Eni nel Blocco 6

Con un comunicato stampa Eni ha oggi annunciato che la trivellazione effettuata nel pozzo Cronos-2, al largo di Cipro, ha portato i risultati sperati....

Uno studio di Shell ha rivelato che la domanda globale di GNL è destinata a salire

Secondo lo studio “GNL Outlook 2024” effettuato da Shell, la domanda globale di gas naturale liquefatto salirà notevolmente entro il 2040. Il fattore principale di...

La colombiana Ecopetrol, una delle compagnie più aggressive in quanto a investimenti in esplorazione e modernizzazione dei propri impianti, alla chiusura del bilancio del primo quadrimestre ha registrato un peggioramento significativo dei propri risultati.

Con una caduta del 65% del prezzo del petrolio, causato da un aumento dell’offerta e dalla diffusione del Covid, erano poche le speranze di ottenere un risultato diverso, nonostante la tempestiva riduzione degli investimenti programmati a gennaio con tagli annunciati pari a circa un miliardo di euro.

In base alla nuova politica occupazionale sono state subito applicate le misure di tele lavoro, con 9.000 dei 13.000 lavoratori totali che svolgono le proprie mansioni in modo remoto.

Tuttavia grazie alle diverse linee di credito ottenute con le banche alla fine del mese di marzo, la compagnia statale ha raccolto 2.900 milioni di euro, necessari per effettuare con il pagamento dei contratti a breve termine e l’emissione dei buoni nei mercati internazionali.

Anche l’implementazione di una nuova strategia commerciale ha permesso alla compagnia di reagire tempestivamente e adattarsi alle condizioni del mercato: in questo modo, è stato possibile anticipare le vendite di greggio e continuare nella diversificazione dei clienti finali.

Sebbene a livello nazionale, assieme ai propri soci, Ecopetrol ha potuto concludere la perforazione di solo tre pozzi, a livello internazionale ha ottenuto un ottimo risultato la perforazione del pozzo di confine Gato do Mato – 4, situato al largo del bacino brasiliano di Santos.

In quanto alla produzione la media raggiunta da Ecopetrol é stata di 735.000 barili al giorno, vale a dire un incremento del 7% rispetto al primo quadrimestre del 2019.

Nel segmento del downstream, l’impatto è stato abbastanza forte soprattutto nel mese di marzo, quando le misure imposte dal governo hanno bloccato la circolazione dei veicoli, con una conseguente riduzione dei volumi di raffinazione nel giro di una settimana del 2%.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Festa di Eni per il primo carico di GNL dal Congo

È in produzione, in Congo, il primo carico di Gas Naturale Liquefatto appartenente al progetto Congo LNG di Eni. A festeggiare il primo carico sono...

Accordo tra Equinor e Deepak Fertilizers per fornitura di GNL

La norvegese Equinor ha firmato un accordo della durata di 15 anni con Deepak Fertilizers, società petrolchimica indiana, per la fornitura di gas naturale...

Cronos-2 estende le partecipazioni di Eni nel Blocco 6

Con un comunicato stampa Eni ha oggi annunciato che la trivellazione effettuata nel pozzo Cronos-2, al largo di Cipro, ha portato i risultati sperati....

Uno studio di Shell ha rivelato che la domanda globale di GNL è destinata a salire

Secondo lo studio “GNL Outlook 2024” effettuato da Shell, la domanda globale di gas naturale liquefatto salirà notevolmente entro il 2040. Il fattore principale di...

La raffineria Sarroch di Saras passa al gruppo Vitol

La società olandese Vitol ha acquisito il 35% delle azioni di Saras, storica azienda italiana attiva nel campo della raffinazione di petrolio fondata dalla famiglia Moratti nel...