venerdì, Ottobre 22, 2021

REPSOL ANNUNCIA DUE IMPORTANTI SCOPERTE DI PETROLIO NELL’OFFSHORE DEL MESSICO

Must read

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...

Il prezzo del petrolio venezuelano è aumentato del 41%

Il prezzo del greggio ha raggiunto lo scorso settembre 54,96 dollari al barile, un prezzo inferiore del 25% rispetto alla media di riferimento dell'insieme...

Il consorzio formato dalla società spagnola Repsol (30%) e dai suoi partner PC Carigali Mexico Operations (28,33%), la tedesca Wintershall DEA (25%) e la tailandese PTTEP (16,67%), hanno scoperto al largo del Golfo del Messico due giacimenti petroliferi con due pozzi in acque profonde del blocco 29.

Juan Manuel Delgado, amministratore delegato di Wintershall Dea, ha sottolineato: “Questo è un grande successo. Abbiamo creduto fermamente che scoperte come queste potessero essere fatte in questa zona. Le scoperte di Polok e Chinwol sono una prova evidente del potenziale petrolifero del bacino Salina. Siamo inoltre fiduciosi di poter trovare ulteriormente risorse aggiuntive nel Blocco 29”.

Repsol ha confermato che la scoperta è avvenuta con i pozzi Polok-1 e Chinwol-1, situati nel blocco 29 del bacino Salina, nel sud-est delle acque messicane del Golfo del Messico, al largo delle coste degli stati di Veracruz e Tabasco. Entrambi i pozzi hanno trovato depositi di petrolio di buona qualità, in località a 87 km dalla costa di Tabasco, e confermano che questa zona ha un grande potenziale.

Il primo pozzo, Polok-1, è stato perforato a una profondità di 2.610 metri, trovando circa 200 metri di sabbia oleosa. Mentre per il pozzo Chinwol-1 si sono perforati 1.850 metri, e in questo caso lo spessore dello strato di sabbia oleosa è stato di 150 metri.

La scoperta di Polok lascia immaginare prospettive di termine positive per il bacino della Salina. Ad oggi, il consorzio ha investito oltre 765 milioni di dollari e generato oltre 1.800 posti di lavoro diretti e indiretti.

Le sonde esplorative Polok-1 e Chinwol-1 sono state completate in meno tempo di quanto inizialmente previsto e a un costo inferiore, pur mantenendo i più elevati standard di sicurezza e sotto severi protocolli sanitari per prevenire la diffusione del Covid-19, sia nelle strutture in terra come in alto mare.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...

Il prezzo del petrolio venezuelano è aumentato del 41%

Il prezzo del greggio ha raggiunto lo scorso settembre 54,96 dollari al barile, un prezzo inferiore del 25% rispetto alla media di riferimento dell'insieme...

Brasile vuole aumentare importazioni di gas e urea dalla Bolivia

Lo stato brasiliano del Mato Grosso ha manifestato l’interesse di acquistare gas naturale e urea della Bolivia, giustificata da una fase di crescita industriale,...