lunedì, Giugno 17, 2024

Iniziata la produzione di petrolio nel giacimento di Bauge

Must read

Vallourec fornirà i suoi prodotti ad Equinor

Vallourec, azienda francese leader nella soluzione di prodotti tubolari di alto livello per le industrie energetiche e dell'oil&gas ha firmato un accordo della durata...

Snam soddisfatta dell’indipendenza dal gas russo

Stefano Venier, CEO di Snam, ha partecipato venerdì 14 giugno ad un incontro organizzato dal  MIB Trieste School of Management, di cui egli stesso...

La joint venture TJN RUWAIS JV si aggiudica il contratto EPC per il progetto Ruwais LNG da ADNOC

Technip Energies, una società leader nel settore dell'ingegneria e della tecnologia per la transizione energetica, nonché leader di una joint venture con JGC e...

Matador Resources si espande nel Permiano

La società energetica indipendente Matador Resources Company, con sede negli Stati Uniti, ha annunciato l'intenzione di voler acquisire una partecipazione di trivellazione nel giacimento...

Nel giacimento off-shore di Bauge, nel Mare di Norvegia, è iniziata l’estrazione del petrolio tramite la piattaforma Njord A.

I lavori di estrazione sono diretti, oltre che da Equinor in vece di operatore, dalla tedesca Wintershall Dea, dalla norvegese Vår Energi e la britannica Neptune Energy.

I principali fornitori, come dichiarato da Trond Bokn, vicepresidente senior di Equinor per lo sviluppo del progetto, sono Randaberg Industries, Ocean Installer e OneSubsea.

Bokn si ritiene poi molto orgoglioso dal lavoro svolto, compiuto interamente senza incidenti HSE.

Con spese in conto capitale per un totale di 4,6 miliardi di NOK (2023), il progetto è stato realizzato rispettando il budget” conclude.

La piattaforma Njord A è entrata in funzione nel 1997 e fino al 2016 ha prodotto circa 250 milioni di barili di petrolio equivalente, che tramite un oleodotto veniva spedito alla nave Njord Bravo FSO. Da lì, tramite navi petroliere, veniva trasportato ai mercati.

Nel 2016 gli impianti sono stati smantellati, portati a terra e completamente aggiornati, per poi rientrare in funzione pochi mesi fa, nel dicembre 2022. Dall’8 aprile, Njord è pronto ad estrarre,dal giacimento di Bauge, scoperto nel 2013 e approvato nel 2017, altrettante quantità di petrolio nell’arco dei prossimi 20 anni.

L’aggiornamento di Njord ci consente di collegare nuove e preziose scoperte come Bauge. Utilizzando l’infrastruttura esistente, possiamo realizzare uno sviluppo proficuo di scoperte di piccole dimensioni in linea con la strategia dell’azienda. Stiamo pianificando ulteriori attività di esplorazione nell’area” ha comunicato Grete B. Haaland, vicepresidente senior per Exploration & Production North, che di questo progetto ha regolato la concessione delle licenze.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Vallourec fornirà i suoi prodotti ad Equinor

Vallourec, azienda francese leader nella soluzione di prodotti tubolari di alto livello per le industrie energetiche e dell'oil&gas ha firmato un accordo della durata...

Snam soddisfatta dell’indipendenza dal gas russo

Stefano Venier, CEO di Snam, ha partecipato venerdì 14 giugno ad un incontro organizzato dal  MIB Trieste School of Management, di cui egli stesso...

La joint venture TJN RUWAIS JV si aggiudica il contratto EPC per il progetto Ruwais LNG da ADNOC

Technip Energies, una società leader nel settore dell'ingegneria e della tecnologia per la transizione energetica, nonché leader di una joint venture con JGC e...

Matador Resources si espande nel Permiano

La società energetica indipendente Matador Resources Company, con sede negli Stati Uniti, ha annunciato l'intenzione di voler acquisire una partecipazione di trivellazione nel giacimento...

Uniper taglia i ponti con Gazprom

La compagnia energetica internazionale Uniper, di base a Düsseldorf, ha deciso di risolvere i contratti di fornitura che la legavano alla russa Gazprom, dopo...