sabato, Maggio 15, 2021

La Norvegia assegna 61 nuove licenze offshore (di cui 17 ottenute da Equinor)

Must read

Petrobras firma il contratto per la costruzione della settima unità di Búzios

Petrobras ha firmato un contratto con la società Keppel Shipyard Limited per la costruzione della piattaforma P-78, la settima unità che si installerá nel...

Oxy perde 346 milioni di dollari nel primo trimestre

Occidental Petroleum, una delle compagnie Upstream più importanti degli Stati Uniti, ha dichiarato una perdita di 346 milioni di dollari nel primo trimestre 2021. I...

IEA: le scorte di petrolio tornano a livelli più normali

Dopo quasi un anno di forte limitazione dell'offerta da parte dei paesi dell'OPEC e dei suoi alleati, le scorte petrolifere mondiali che si sono...

Shell fa una grande scoperta di petrolio nel Golfo del Messico

Con la perforazione del pozzo Leopard, Shell ha trovato un giacimento di petrolio con uno spessore di oltre 183 metri, in questo momento gli...

Nonostante il percorso di transizione energetica sia ormai in atto in tutta Europa, a partire dalla regione settentrionale del continente, non si fermano le attività dell’industria petrolifera in Norvegia: nel corso del ciclo di Awards in Predefined Areas (APA) 2020, infatti, le autorità del Paese scandinavo hanno assegnato ben 61 nuove licenze di esplorazione e produzione nelle acque territoriali a 30 diverse società (su 33 in totale che avevano avanzato le loro istanze).

Di queste 61 licenze, 34 di trovano nel Mare del Nord, 24 nel Mar di Norvegia e 3 nel Mar di Barents.

“L’assegnazione di 61 licenze a 30 diverse compagnie effettuata quest’anno dimostra come l’industria del petrolio abbia ancora significative aspettative di fare scoperte profittevoli nell’offshore della Norvegia ha commentato il direttore licenze della Norwegian Petroleum Directorate, Kalmar Ildstad, secondo quanto riportato dalla rivista World Oil. “E’ positivo che gli operatori abbiano dimostrato interesse a esplorare zone la cui geologia è già nota e che si trovano in prossimità di infrastrutture già operative”.

Secondo quanto riferito dal direttorato la platea di concessionari è molto variegata: ci sono sia piccole società che grandi compagnie, anche se la major statale norvegese Equinor (ex Statoil) continua ovviamente a giocare un ruolo molto rilevante, avendo ottenuto in tutto 17 licenze, di cui 10 come operatori e 7 come partner.

“Siamo soddisfatti di queste aggiudicazioni che costituiscono un’importante aggiunta al nostro portafoglio di esplorazione e costituiranno la base per future scoperte da realizzare in linea con la roda-map climatica del gruppo” ha commentato il Senio Vice President Exploartion Norway di Equinor Nick Ashton. “Lo sviluppo delle tecnologie digitali ci offre nuove opportunità di trovare petrolio e gas e contemporaneamente regole sempre più severe ci impongono di ridurre le emissioni di CO2 lungo tutta la filiera, dalla scoperta al consumo. E noi dobbiamo riuscire ad avere successo su entrambi i fronti”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Petrobras firma il contratto per la costruzione della settima unità di Búzios

Petrobras ha firmato un contratto con la società Keppel Shipyard Limited per la costruzione della piattaforma P-78, la settima unità che si installerá nel...

Oxy perde 346 milioni di dollari nel primo trimestre

Occidental Petroleum, una delle compagnie Upstream più importanti degli Stati Uniti, ha dichiarato una perdita di 346 milioni di dollari nel primo trimestre 2021. I...

IEA: le scorte di petrolio tornano a livelli più normali

Dopo quasi un anno di forte limitazione dell'offerta da parte dei paesi dell'OPEC e dei suoi alleati, le scorte petrolifere mondiali che si sono...

Shell fa una grande scoperta di petrolio nel Golfo del Messico

Con la perforazione del pozzo Leopard, Shell ha trovato un giacimento di petrolio con uno spessore di oltre 183 metri, in questo momento gli...

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...