sabato, Gennaio 23, 2021

L’ARGENTINA PUNTA SU UN NUOVO GIACIMENTO DI SHALE GAS

Must read

La Norvegia assegna 61 nuove licenze offshore (di cui 17 ottenute da Equinor)

Nonostante il percorso di transizione energetica sia ormai in atto in tutta Europa, a partire dalla regione settentrionale del continente, non si fermano le...

Tre nuove commesse nell’oil&gas per il gruppo Fagioli, che chiude il 2020 con fatturato in crescita

Il gruppo emiliano Fagioli, leader a livello internazionale nei trasporti e nelle movimentazioni di carichi eccezionali, ha ottenuto 3 nuove commesse nel settore oil&gas...

Total avanza nella decarbonizzazione: 2,5 miliardi di dollari per rilevare il 20% di Adani Green Energy

Dopo aver abbandonato l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby americana dell’industria oil&gas – ritenuta non sufficientemente schierata sui temi ambientali – e sulla...

Total lascia l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby USA dell’oil&gas

Il gruppo francese Total ha deciso di abbandonare – prima tra le grandi major internazionali a farlo – l’American Petroleum Institute (API), la principale...

Le autorità della regione di Santa Cruz, situata al sud dell’Argentina, e il direttore della Compagnia General de Combustibles (CGC) hanno firmato un memorandum d’intesa allo scopo di iniziare la perforazione del primo pozzo di shale gas situato nella formazione geologica di Palermo Aike.

L’accordo, che implica un investimento di 450 milioni dollari, prevede di garantire l’attività petrolifera e creare posti di lavoro nelle aree in cui opera la CGC nell’ambito del “Piano Gas Natural” 2020-2024 lanciato dal governo nazionale.

Il presidente dell’Istituto di Energia di Santa Cruz, ha annunciato che l’obiettivo piú importante in questo momento é quello di concentrare tutti gli sforzi per perforare il primo pozzo, attraverso il quale si potrà conoscere il vero potenziale del giacimento e quindi iniziare ad aprire nuovi mercati sia nazionali che internazionali.

In questa prima fase il costo per la perforazione del pozzo di esplorazione programmato sarà di 10 milioni di dollari.

Il CEO della compagnia CGC Hugo Eunerkian, ha affermato che questo accordo con la provincia, raggiunto con l’intermediazione dei sindacati del settore, porterà grandi benefici per tutta la regione nei prossimi anni.

Oltre il 90% della produzione e le riserve della compagnia si trovano nel giacimento Australe della provincia.

Infatti fin dal 2015, anno in cui l’azienda ha cominciato ad esplorare quest’area, ha potuto osservare il grande potenziale di questo giacimento di gas shale e poco a poco si sono consolidati i primi investimenti.

Secondo lo studio effettuato dall’Istituto Argentino del Gas e petrolio (IAPG) le riserve di idrocarburi nell’area australe del paese sono di 1135 milioni di barili equivalenti di petrolio, seconde solamente a quelle del giacimento di Neuquen, che raggiunge 1280 milioni di barili equivalenti di petrolio.

 

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La Norvegia assegna 61 nuove licenze offshore (di cui 17 ottenute da Equinor)

Nonostante il percorso di transizione energetica sia ormai in atto in tutta Europa, a partire dalla regione settentrionale del continente, non si fermano le...

Tre nuove commesse nell’oil&gas per il gruppo Fagioli, che chiude il 2020 con fatturato in crescita

Il gruppo emiliano Fagioli, leader a livello internazionale nei trasporti e nelle movimentazioni di carichi eccezionali, ha ottenuto 3 nuove commesse nel settore oil&gas...

Total avanza nella decarbonizzazione: 2,5 miliardi di dollari per rilevare il 20% di Adani Green Energy

Dopo aver abbandonato l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby americana dell’industria oil&gas – ritenuta non sufficientemente schierata sui temi ambientali – e sulla...

Total lascia l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby USA dell’oil&gas

Il gruppo francese Total ha deciso di abbandonare – prima tra le grandi major internazionali a farlo – l’American Petroleum Institute (API), la principale...

Oil major sempre più ‘lanciate’ sulle rinnovabili: Equinor e BP costruiranno un maxi parco eolico offshore negli USA

La corporation statale norvegese Equinor, la ex Statoil, in partnership con la major britannica BP, è stata scelta per realizzare ed installare un nuovo...