sabato, Gennaio 23, 2021

DESCALZI VOLA IN LIBIA PER INCONTRARE I VERTICI DEL GOVENRO DI UNITÀ NAZIONALE

Must read

La Norvegia assegna 61 nuove licenze offshore (di cui 17 ottenute da Equinor)

Nonostante il percorso di transizione energetica sia ormai in atto in tutta Europa, a partire dalla regione settentrionale del continente, non si fermano le...

Tre nuove commesse nell’oil&gas per il gruppo Fagioli, che chiude il 2020 con fatturato in crescita

Il gruppo emiliano Fagioli, leader a livello internazionale nei trasporti e nelle movimentazioni di carichi eccezionali, ha ottenuto 3 nuove commesse nel settore oil&gas...

Total avanza nella decarbonizzazione: 2,5 miliardi di dollari per rilevare il 20% di Adani Green Energy

Dopo aver abbandonato l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby americana dell’industria oil&gas – ritenuta non sufficientemente schierata sui temi ambientali – e sulla...

Total lascia l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby USA dell’oil&gas

Il gruppo francese Total ha deciso di abbandonare – prima tra le grandi major internazionali a farlo – l’American Petroleum Institute (API), la principale...

L’Amministratore delegato dell’Eni, Claudio Descalzi, ha incontrato a Tripoli il capo del Consiglio di Presidenza del Governo libico di unità nazionale, Fayez al-Sarraj e il Presidente Presidente della National Oil Corporation (NOC), Mustafa Sanalla, per discutere del costante supporto di Eni al Paese per quanto riguarda l’accesso all’energia e la continuità del business, con particolare riferimento allo sviluppo delle risorse di gas e delle energie rinnovabili.

Descalzi ha confermato a al-Sarraj il pieno impegno del ‘cane a sei zampe’ per quanto riguarda le attività operative e i progetti nel paese, rinnovando anche l’impegno di Eni nel campo sociale, in particolare nel supporto a NOC per quanto riguarda la fornitura di attrezzature medicali di protezione, diagnosi e trattamento essenziali nella risposta contro la pandemia di Covid-19.

Con Sanalla il CEO dell’Eni ha fatto il punto sullo stato dei progetti del gruppo nel Paese, con particolare attenzione a quelli che riguardano il gas e che consentiranno di estendere il plateau di produzione di Bahr Essalam nei prossimi anni, assicurando così l’approvvigionamento di gas al mercato locale, di cui Eni continuerà a essere il principale fornitore.

Le parti hanno discusso quindi dell’avvio di progetti pilota nelle rinnovabili nel Paese, mettendo a disposizione know-how, competenze e sviluppo di nuove competenze. L’introduzione, per la prima volta, di energie rinnovabili in Libia risponderà all’aumento di energia elettrica per la popolazione senza aumentare il consumo locale di idrocarburi e le emissioni di CO2.

L’AD dell’Eni ha quindi espresso il proprio appezzamento per gli sforzi compiuti dal Presidente di NOC per riprendere in sicurezza la produzione e l’esportazione di petrolio da tutti i giacimenti petroliferi onshore, inclusi quelli partecipati da Eni, come El-Feel e Abu-Attifel, e il continuo impegno della corporation libica nel garantire la continuità operativa, il supporto logistico e la turnazione nei siti operativi, nonché l’impegno profuso dal management e dai dipendenti di Mellitah Oil & Gas e dai contrattisti, nonostante l’attuale contesto sfidante e senza precedenti.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La Norvegia assegna 61 nuove licenze offshore (di cui 17 ottenute da Equinor)

Nonostante il percorso di transizione energetica sia ormai in atto in tutta Europa, a partire dalla regione settentrionale del continente, non si fermano le...

Tre nuove commesse nell’oil&gas per il gruppo Fagioli, che chiude il 2020 con fatturato in crescita

Il gruppo emiliano Fagioli, leader a livello internazionale nei trasporti e nelle movimentazioni di carichi eccezionali, ha ottenuto 3 nuove commesse nel settore oil&gas...

Total avanza nella decarbonizzazione: 2,5 miliardi di dollari per rilevare il 20% di Adani Green Energy

Dopo aver abbandonato l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby americana dell’industria oil&gas – ritenuta non sufficientemente schierata sui temi ambientali – e sulla...

Total lascia l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby USA dell’oil&gas

Il gruppo francese Total ha deciso di abbandonare – prima tra le grandi major internazionali a farlo – l’American Petroleum Institute (API), la principale...

Oil major sempre più ‘lanciate’ sulle rinnovabili: Equinor e BP costruiranno un maxi parco eolico offshore negli USA

La corporation statale norvegese Equinor, la ex Statoil, in partnership con la major britannica BP, è stata scelta per realizzare ed installare un nuovo...